f Bagheria. Scuse della moglie di un consigliere comunale per un post su facebook | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Scuse della moglie di un consigliere comunale per un post su facebook

venerdì 3 aprile 2015, 19:50   Attualità  

Letture: 3.606

consiglio comunaleLa moglie del consigliere comunale Francesco D’Anna, in una nota inviata in redazione, chiede scusa ad alcuni consiglieri comunali di minoranza, per alcune frasi scritte su Facebook.

“In un momento storico e di forte impatto per Bagheria come l’uscita dal Coinres -scrive Tamara Carone– mi mortifica molto parlare di una vicenda frutto di stanchezza e nervosismo. I consiglieri di minoranza, nei loro interventi di ieri, hanno manifestato la volontà di querelarmi per un post dai toni sicuramente accesi ma assolutamente non rivolti alle persone, ma solamente alla sfera politica. Ho assistito al consiglio comunale del 31 marzo dalle 16.00 alle 4.30 circa del mattino; tornata a casa ho poi aspettato che mio marito, il consigliere Francesco D’Anna, rientrasse, attendendo sveglia fino alle 8 del mattino. Lo sconcerto nell’apprendere che la seduta si era risolta in un rinvio mi ha portata a scrivere parole fuori luogo e pesanti, su un social network,distanti dal mio modo solito di fare. A mia discolpa posso dire che la stanchezza, la tensione e la preoccupazione mi hanno fatto usare dei toni che non mi appartengono, e che avviliscono me per prima per la situazione spiacevole generata.

Come molti consiglieri di opposizione potranno confermare, mio marito ed io abbiamo sempre cercato di moderare i toni, ognuno nel ruolo che gli compete, per evitare che le sedute consiliari diventassero terreno di scontro anziché di proposizione e per instaurare un clima sereno tra maggioranza e opposizione. Con alcuni consiglieri, più vicini a me per età e frequentazioni, è capitato varie volte d’incontrarsi al di fuori dell’aula e di dialogare serenamente e in un clima amichevole; mi mortifica quindi questo episodio, e rivolgo a loro delle scuse particolari, in nome di quel rapporto cordiale che ho sempre cercato di mantenere al di là dei colori politici. Posso affermare senza tema di smentita di essermi sempre rivolta con educazione ai consiglieri di minoranza, rispettando non solo la figura istituzionale che rappresentano ma anche e soprattutto la persona che c’è dietro il ruolo. Se i toni da me espressi hanno offeso la persona e non pungolato il politico (come era mia intenzione), porgo le mie più sentite scuse, che spero saranno accettate anche di persona alla prima occasione utile. Chi ha avuto modo di conoscermi sa che dedico gran parte del mio tempo per scopi benefici ed eventi cittadini: sono sicura che i consiglieri di minoranza riconosceranno, in me, quello spirito di dedizione a Bagheria che essi stessi hanno. In nome di questo comune intento e nello spirito della Pasqua imminente, spero che questa vicenda si chiuda qui, tornando al clima di serenità e cordialità che ho sempre cercato di favorire.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.