f Bagheria. Vella sulla diffida della Regione: "bisogna rispettare le procedure" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Vella sulla diffida della Regione: “bisogna rispettare le procedure”

venerdì 17 aprile 2015, 10:08   Politica  

Letture: 991

vella nuovoAnche Daniele Vella, della segreteria regionale del Pd, interviene sulla nota della regione che diffida il Comune a ritornare sui suoi passi sulla fuoriuscita dal Coinres.

“Tutti vogliamo porre fine al Coinres, ma affinchè questo sia fatto realmente e senza  far pagare un ulteriore prezzo ai cittadini, occorre farlo rispettando le procedure e i percorsi previsti dalle norme.
La diffida che l’Assessorato Regionale ha inviato al Comune di Bagheria sottolinea molte delle anomalie già da noi evidenziate sul percorso intrapreso dalla giunta monocolore 5 stelle.
La diffida invita l’ente comunale a ritirare in autotutela ( dovrà essere approvata dal Consiglio Comunale una delibera di revoca) la delibera approvata dai consiglieri del m5s di fuoriuscita unilaterale dal Coinres. Viceversa verrà inviato un commissario ad acta a tale scopo.
Così come l’ordinanza di affidamento diretto del servizio rifiuti firmata prima per 10 mesi – e quindi illegittima – e poi per 6 e per un importo considerevole  sembra suscitare perplessità anche sul versante normativo.
Occorre riprendere il percorso (che ad onor del vero questa Amministrazione non ha mai avviato) per l’affidamento tramite gara europea del servizio a terzi all’interno del piano di intervento già approvato dalla Regione.
Perplessità vengono manifestate anche relativamente alle garanzie a salvaguardia dei livelli occupazionali.
A nostro parere la diffida della Regione lascia intravedere il sospetto di un possibile danno erariale, la possibilità che il Comune debba pagare il servizio rifiuti due volte. Quest’ultima possibilità se fosse reale sarebbe gravissima e crediamo che a pagare non possano essere chiamati i cittadini. Chi amministra deve farlo sempre con oculatezza e di certo assumere su di sè, come spesso diciamo, la responsabilità di ogni atto amministrativo che porta avanti.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.