f Casteldaccia. Ricordato il carabiniere Orazio Costantino, ucciso nel 1969 | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Ricordato il carabiniere Orazio Costantino, ucciso nel 1969

sabato 25 aprile 2015, 08:54   Attualità  

Letture: 926

SONY DSCCasteldaccia ha ricordato il carabiniere scelto Orazio Costantino, decorato di Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria, ucciso il 27 aprile del 1969 dall’autore di un tentativo di estorsione. Nel corso della cerimonia, alla quale hanno partecipato il sindaco Fabio Spatafora, il figlio e le nipoti del militare, i vertici dell’Arma locale e una rappresentanza di scolaresche, sono stati deposti due cuscini di fiori ai piedi del monumento di via Cattaneo e della stele eretta in località “Fiorilli”, luogo dell’eccidio.
Orazio Costantino, nato a Castroreale in provincia di Messina, il 24 gennaio 1931, si arruolò il 31 marzo 1950, venendo destinato al Battaglione Mobile di Gorizia. Successivamente, prestò servizio presso le Legioni Carabinieri di Udine, Cagliari e Palermo. In Sicilia, fu assegnato alla Stazione di Casteldaccia, dove si distinse sempre brillantemente nell’esecuzione dei compiti affidatigli, come attestato dai riconoscimenti ed encomi solenni conseguiti, fino ai tragici eventi che segnarono la giornata del 27 aprile 1969.
Quel giorno, in località “Fiorilli” a Casteldaccia, era stato predisposto un servizio finalizzato a catturare una banda di estorsori che vessava i commercianti della zona.
Costantino, che nel frattempo era transitato in servizio alla Tenenza di Bagheria, dopo ore di snervante appostamento, si trovò di fronte uno sconosciuto che, armato di un fucile, si accingeva a raccogliere la busta predisposta per simulare la somma richiesta a una delle vittime delle estorsioni.
Dopo avere impugnato la pistola d’ordinanza, affrontò il malfattore, che tuttavia riuscì a esplodere un colpo con il proprio fucile, attingendo mortalmente al petto e al braccio sinistro il Carabiniere. Questi, seppur ferito, rispose al fuoco senza però colpire l’avversario ma, prima di spirare, trovò la forza di riferire ai commilitoni nel frattempo sopraggiunti le indicazioni indispensabili per l’identificazione e la cattura del suo assassino.
Il Presidente della Repubblica, il 23 maggio 1970, conferì la “Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria” del Carabiniere Scelto Orazio Costantino.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.