f L'Inettitudine della politica | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

L’Inettitudine
della politica

giovedì 30 aprile 2015, 08:55   L'Opinione  

Letture: 1.231

benfantedi Nicolò Benfante

Da un’attenta analisi e dovendo fare delle considerazioni alla luce, quasi dello scadere, del primo anno di amministrazione cittadina, non posso non esimermi, professionalmente, dal trarre le fila di un bilancio economico-politico.
Un anno sicuramente vissuto intensamente per le continue dichiarazioni di cambiamento, quasi dei veri e propri bollettini di quel radicale cambiamento, che venivano preannunciati nella quotidianità per poi abortire subito dopo; mi riferisco al fenomeno tanto atteso della “pulcherizzazione” che avrebbe sicuramente segnato la svolta epocale per il  cambiamento della nostra città.
Che dire della pericolosità che abbiamo corso nelle diverse rivoluzioni, a partire da agosto, che ci hanno visti protagonisti di

  • Programmazione piano rifiuti si, programmazione piano rifiuti no;
  • Raccolta differenziata sì, raccolta differenziata no;
  • Sacchi/Buste per differenziata si, sacchi/buste per differenziata no;

E della rivoluzione cimiteriale?
Abbiamo trovato la giusta dimensione per l’approvvigionamento di nuovi loculi “fantomatici” e sistemati come centri di stoccaggio merce “tra color che son sospesi”, per terminare ad oggi, con la mancata autorizzazione di lavori di scavo al cimitero da parte della sovrintendenza perché giammai autorizzati.
E della vicenda dei contrattisti?
Unico ente locale ad aver lottato con tutte le sue forze per cercare di NON mantenere questa forza-lavoro produttiva che ricopriva con figure professionali determinanti il prosieguo di diversi uffici dell’ente.
Già stavo dimenticando, sempre in tema di rifiuti, la GE.CO SpA, la soluzione a tutti i nostri problemi.!
Altro annuncio Bufala, altro esempio di repressione sul nascere di fattori inadeguati ed illegittimi.
Eppure era stato inoltrato l’invito a leggere quanto disposto dalla Legge di stabilità 2015 al comma 609 e dopo aver studiato attentamente, forse avremmo potuto discutere di società partecipate.
Ma questo fa già parte del passato!
Infatti le note vicende di cui siamo a conoscenza, non hanno permesso, né di garantire la raccolta differenziata (stendiamo un pietoso velo) nè garantire quel lungimirante percorso su un piano rifiuti che, come da Lei proferito in campagna elettorale, doveva apportare enormi benefici, ”il rifiuto per noi è un ricavo”.
Oggi parliamo di emergenza rifiuti (sorta per inadeguatezza organizzativa), rientrata con l’ordinanza di affidamento alla Tech Servizi, che rappresenta il fattore determinante per un processo di evoluzione quale appunto l’esternalizzazione del servizio.
Un servizio, certamente funzionante ed efficiente oltre che ci garantiscedi poter calpestare la pulizia per le vie della città; ma che purtroppo reca seco troppi dubbi per l’affidamento, avvenuto in maniera avventata ed in barba alle migliori norme, articoli e codici societari.
Mi riferisco alla recente/odierna questione Coinres!
Penso che, anche in questo caso lo studio della fuoriuscita dell’ATO, avventato,  sia stato frutto di inadempienza e conoscenza di norme che legittimano il recesso di un consorzio e delle rispettive quote societarie oltre il nucleo di dipendenti che erano in carico alla stessa.
Tra le tante, mi sovviene anche che “il TAR ha accolto il ricorso dei 38 genitori dei bambini disabili sull’assistenza personale”.
Non sto qua a richiamare il riferimento normativo contenuto nella Legge 12 Giugno 1990 n° 146 che Lei, sicuramente, ben conosce.
Ricordo a me stesso e conseguentemente a Lei, Signor Sindaco, che il diritto alla persona è costituzionalmente tutelato e rientra tra gli aspetti primari volti a garantire “il godimento dei diritti alla vita, alla salute, alla libertà ed alla sicurezza, alla libertà di circolazione, all’assistenza e previdenza sociale, all’istruzione ed alla libertà di comunicazione”.
Ma penso che il problema del reperimento risorse sia da ricercare in ambiti diversi ed oserei affermare tecnici.
Oppure l’emergenza idrica, che in questi giorni non solo vede completamente a secco i nostri rubinetti, ma la dotazione di quell’oro bianco che si perde per strada a causa di una scarsa, inesistente e inadeguata manutenzione alla rete idrica.
Non sto qua a ricordarLe che la Sua amministrazione non è a tutt’oggi dotata di alcun bilancio riequilibrato che Le consenta di poter avere un quadro finanziario-economico della situazione attuale.
Come ebbi a dire in articoli precedenti lungi da me pensare:

  • quali possono essere gli interessi passivi che vengono pagati dall’Ente essendo in anticipazione finanziaria;
  • quali sono le condizioni di tutti i fondi vincolati in tesoreria che al 31/12/2014 dovevano essere ricoperti;
  • quali sono i capitoli o meglio gli interventi di bilancio previsti per le entrate correnti che garantiscono un siffatto incremento finanziario dal momento che non abbiamo bilanci a partire dal 2013;

Ma di tutto questo abbiamo ed avremo contezza nelle singole adunanze pubbliche mensili, e con dati alla mano sbalordirà tutti, ma proprio tutti.
E che dire del bilancio rifiuti, l’anno 2014 appena trascorso, si è chiuso in perdita o meglio i costi sono stati superiori ai ricavi?
E del fabbisogno 2015, la programmazione del piano rifiuti?
A proposito, Signor Sindaco, e La tanta conclamata trasparenza ? baluardo di quest’amministrazione!
Alla fine sembra proprio non essere così semplice essere “Trasparenti”.
Abbiamo rischiato parecchio! Ma da bravi paladini e coriacei combattenti,pure e sempre nello spirito di una sana e legittimità di valori, siamo riusciti indenni a mantenere alto il baluardo della legalità, fondamento della nostra città.
Sono sempre fermamente convinto che è meglio conoscere e sapere che tacere;
Il sapere è conoscenza! bene
Sapere come e da chi sono amministrato e non tacere sulle molteplici espressioni di ignoranza amministrativa/burocratica;
Anche perché celare l’evidenza oltre ad un il confronto è sotto gli occhi di tutti.
Forse, il Signor Sindaco, ha perso di vista l’orientamento del suo operato politico;
Il valore e senso del cittadino sopra ogni cosa!
Ad oggi, penso che il suo bilancio è in linea con quello dell’ente, Fallimentare!
E’ vero Signor Sindaco, sono consapevole che nella condizione attuale, non ha più senso continuare ad additare questa o quella amministrazione; il suo modus operandi senza alcuna programmazione economica-finanziaria contempla l’arte dell’arrangiarsi quotidianamente perché la sua amministrazione, diciamoceLo con molta franchezza, è l’Emergenza.
E la  “Cura” a tale rimedio ?
Beh! Penso che per unrisanamento dell’ente, si debba parlare di programmazione a breve termine, si debba discutere di sviluppo magari cominciando ad allentare la maglia della compressione burocratica, ridare credibilità a colui che intende riavere un ruolo quale cittadino del suo tempo e, magari facendo dei passi indietro e non agire a tutti costi alla ricerca dell’inettitudine politica cuiabbiamo assistito inermi a quanto di fatto svolto dall’attuale amministrazione, il Nulla.
Buon genetliaco Signor Sindaco.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.