f Bagheria. Dall'anno prossimo riaprono 2 asili nido per 100 bambini. Rette più basse | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Dall’anno prossimo riaprono 2 asili nido per 100 bambini. Rette più basse

martedì 26 maggio 2015, 13:43   Attualità  

Letture: 1.723

sindaco e puleodi Martino Grasso

Dall’anno prossimo saranno 2 gli asili nido aperti alla città che potranno ospitare complessivamente 100 bambini da 0 a 3 anni. Tornano aperti gli asili, dopo 2 anni, di via Orazio Costantino che potrà accogliere 60 bambini e di via Monsignor Arena con 40 minori.
La notizia è stata resa pubblica oggi dal sindaco Patrizio Cinque e dall’assessore ai servizi sociali Maria Puelo, nel corso di una conferenza stampa svoltasi nella stanza del sindaco.
Le strutture saranno aperte tutti i giorni dalle 8 alle 17.
L’amministrazione comunale ha anche riferito che le rette sono state ridotte, la minima sarà di 120 euro e la massima a 160 euro, mentre negli anni passati le famiglie pagavano rette da 180 a 260 euro al mese.
Potranno pagare la retta più basse le famiglie con un reddito che va da 0 a 15 mila euro l’anno.
“Questo è un servizio importante per le famiglie bagheresi -ha sottolineato il sindaco- soprattutto per quelle che sono impossibilitate per lavoro a stare a casa.”
scuola infanziaI bambini potranno usufruire anche della mensa e della merenda e si provvederà anche al trasporto.Nell’asilo nido di via Monsignor Arena, nelle ore mattutine,  il personale sarà comunale, nelle ore pomeridiane sarà esterno.

Il personale che lavorerà nella struttura di via Orazio Costantino, sarà esterno. Il Comune attualmente dispone di 5 maestre e 3 ausiliari. Il bando, aperte alle famiglie, per presentare le domande, sarà pubblicato nei prossimi giorni.
Sarà invece bandita la gara per affidare il servizio esterno.
Il Comune potrà inoltre disporre di 80 mila euro annuali da parte della Regione e 38 mila euro annui, per 3 anni.
Inoltre sarà possibile accedere ai finanziamenti europei del Pac che si aggirano intorno a 540 mila euro per entrambe le strutture.
“Alcuni finanziamenti rischiavamo di perderli -dice l’assessore Puleo- siamo riusciti a recuperarli”.
Negli ultimi 2 anni gli asili nido erano stati chiusi perché le rette erano troppo alte e il Comune non riusciva a recuperare la metà del 36 % della spesa, previsto per legge, per i servizi a domanda individuale.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.