f Arrestati a Palermo due bagheresi che avevano rubato un motorino ad Aspra (foto) | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Arrestati a Palermo due bagheresi che avevano rubato un motorino ad Aspra (foto)

mercoledì 10 giugno 2015, 15:27   Cronaca  

Letture: 2.084

carabinieriAvevano rubato un motociclo ad Aspra, e sono stati fermati a Palermo in via Tiro a segno.
I carabinieri hanno fermato due giovani residenti a Bagheria.
Si tratta di Giuseppe Fecarotta, 23 anni e Salvatore Buscemi, 21 anni.
I due sono stati fermati da due carabinieri, padre e figlio, il il primo effettivo alla Compagnia speciale ed il secondo al Nucleo Radiomobile di Palermo.
L’operazione è scattata ieri pomeriggio intorno alle 14.20, in via Tiro a Segno. I militari hanno notato uno scooter Honda SH di colore nero trainato con una fune, da una Fiat 600. Insospettitisi i carabinieri hanno avviato dei controlli e hanno fermato i due: Facarotta era nell’auto e Buscemi sul motore.
Buscemi-FecarottaAlla domanda di chi fosse il proprietario dello scooter, i due in evidente stato di agitazione, hanno fornito descrizioni poco attendibili, asserendo che era la moto di un amico,  senza essere in grado di fornire alcuna indicazione sulla sua identità.
A seguito di perquisizione personale e veicolare sono stati rinvenuti e sequestrati vari attrezzi atti allo scasso: una tronchese ed un giravite.
Dall’accertamento alla banca dati, i militari sono risaliti alla proprietaria del mezzo che contattata telefonicamente,ha detto che la moto era stata rubata ad Aspra.
Giunta in caserma, la denunciate ha riferito che il blocchetto dell’accensione era stato forzato, così come il frontalino anteriore, nel tentativo di metterla in moto facendo un ponte all’impianto elettrico.
I due sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato in concorso e tradotti nella mattinata odierna presso il Tribunale di Palermo per essere giudicati con il rito per direttissima. A seguito della convalida degli arresti, il Fecarotta è stato sottoposto agli arresti domiciliari mentre il Buscemi liberato senza alcuna misura.
Il Fecarotta è stato deferito in stato di libertà perché sorpreso alla guida nonostante non l’avesse mai conseguita.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.