f Bagheria. Gaetano D'Agati: "solidarietà alla dottoressa Picciurro" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Gaetano D’Agati: ”solidarietà alla dottoressa Picciurro”

mercoledì 17 giugno 2015, 17:05   Attualità  

Letture: 1.057

d'agatiL’ex assessore all’urbanistica, attività produttive e beni confiscati, della giunta Lo Meo,  Gaetano D’Agati, con una nota si associa agli ex colleghi assessori Franco Greco e Michelangelo Testa per manifestare solidarietà e stima alla dottoressa Laura Picciurro.
“Ho conosciuto e apprezzato la dottoressa per le sue qualità professionale fin dall’amministrazione sindaco Valentino.
In qualità di assessore da Agosto 2013 a Marzo 2014, grazie alle competenze ed al supporto tecnico giuridico del dirigente Laura Picciurro, in soli 7 mesi di mandato sono stati raggiunti importanti obiettivi tra i quali: l’adozione del piano regolatore, l’attivazione del SUP telematico, il finanziamento delle zone franche urbane, nonché, l’attribuzione da parte della Regione Siciliana di due importanti finanziamenti su beni confiscati, conclusosi con la richiesta e l’assegnazione di una grande quantità di beni confiscati non ancora utilizzati dall’amministrazione Cinque.
Considero la dottoressa Picciurro, una risorsa per l’Amministrazione e per l’Ente e, non un intralcio né il capro espiatorio di un’amministrazione tanto improvvisata quanto deludente, pertanto ritengo inutile e pretestuoso il provvedimento nei riguardi della dottoressa stessa, che considero legato esclusivamente a motivi egoistici e il tentativo di mettere da parte un dirigente che da fastidio semplicemente perché si legge le carte e applica la normativa.
Dare la colpa ad altri è un piccolo e mediocre meccanismo che si può usare ogni volta che desideriamo non prenderci la responsabilità per qualcosa che non va.
Auspico pertanto che si investano meno energie in propaganda sterile e controproducente  e che si ottimizzino e si valorizzino le risorse interne.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.