f Domenica 7 Giugno visita guidata a Solunto con "Sistema Bagheria" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Domenica 7 Giugno visita guidata a Solunto con “Sistema Bagheria”

mercoledì 3 giugno 2015, 11:07   Cultura  

Letture: 1.152

soluntoIn occasione dell’iniziativa #domenicalmuseo promossa dal ministero dei beni culturali, che apre la prima domenica di ogni mese gratuitamente i principali spazi museali d’Italia,  visita alle rovine di Solunto, a Santa Flavia, in compagnia dell’archeologa Marilena Gennuso, che guiderà i partecipanti alla scoperta del popolo Fenicio e del loro insediamento di Solunto.
“Il nostro scopo -si legge in una nota- sarà quello di individuare, attraverso le diverse testimonianze, la storia dell’insediamento fenicio di KFR’, Soleis o Soles in Greco.

Il Popolo Fenicio

Le difficoltà di lettura che caratterizzava la conoscenza del popolo Fenicio, rispetto ad altre civiltà come quella Greca, Egizia o Romana, ha nel tempo alimentato pregiudizi e luoghi comuni sull’identità dei Fenici. E’ singolare considerare che un popolo, cui si attribuisce l’invenzione dell’alfabeto, possa contare per la ricostruzione della sua storia su pochi documenti scritti nella propria lingua. Grazie allo sviluppo degli studi di archeologia orientale così come dell’archeologia navale antica, si è riusciti a rivalutare il ruolo dei Fenici nell’antichità.

I Fenici, portatori di cultura

I Fenici seppero assolvere egregiamente il compito di intermediari in un quadro commerciale di vastissima portata, assumendo, attraverso la loro opera di mercanti-navigatori un ruolo di “messaggeri di cultura” dunque non è un azzardo sostenere che le navi Fenice trasportavano non solo mercanzie ma anche civiltà. Considerando dunque che Il legame tra la navigazione e i traffici commerciali fu uno dei maggiori fattori di sviluppo economico e culturale delle antiche civiltà del Mediterraneo, il mare rappresentò infatti la via di comunicazione più veloce e sicura.
Le conoscenze astronomiche permisero ai naviganti fenici di affrontare le rotte in mare aperto o la navigazione notturna grazie all’osservazione delle costellazione e dell’Orsa Minore e della Stella Polare.
Abili mastri d’ascia, le loro imbarcazioni dominarono il Mare Nostrum per secoli, divenendo protagonisti della storia della nostra civiltà in un momento particolarmente significativo per la storia dell’uomo e per lo sviluppo delle conoscenze fra Oriente e Occidente, con una data convenzionale che gli studiosi fanno risalire al 1200 A.C.

I fenici e il nostro territorio

E’ indubbio il legame che il nostro territorio ebbe con questa civiltà fin dall’età del bronzo. A questo periodo si fanno risalire le esigue testimonianze archeologiche del primo impianto fenicio che si vuole localizzare tra Porticello e il colle della Cannita , a controllo della bassa valle dell’Eleuterio. Con l’ausilio dei rinvenimenti archeologici del nostro territorio cercheremo di conoscere meglio questo popolo proveniente dalla costa orientale del Mediterraneo, popolo di marinai di eccezionale perizia e mercanti esperti ed intraprendenti che raggiunsero sia le lontane regioni del mediterraneo, ma anche le coste dell’Atlantico attraverso la costituzione di Emporia che divennero nel corso del tempo colonie stabili.

La nostra visita alle rovine di Solunto

Ci incontreremo alle 9.30, presso il piazzale d’ingresso delle rovine di Solunto, dove l’archeologa Marilena Gennuso ci accompagnerà alla scoperta dei Fenici e del loro insediamento sul nostro territorio

Per maggiori informazioni:

http://www.hellobagheria.com/blog/iniziative/item/81-il-7-giugno-alle-9-30-i-fenici-e-la-citta-di-solunto-per-domenicalmuseo.html

Sistema Bagheria è un comitato formato da associazioni e persone attive nel territorio di Bagheria e di Santa Flavia. I nostri obiettivi sono lo sviluppo dell’identità territoriale, la promozione delle risorse locali e lo sviluppo di innovazione sociale. Il nostro progetto principale è un portale di riferimento per cittadini e visitatori, abbiamo iniziato un percorso di riscoperta del nostro patrimonio culturale e ambientale, che vogliamo condividere con la comunità.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.