f Bagheria. Consiglio comunale a porte chiuse sull'incompatibilità dell'assessore Tripoli | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Consiglio comunale a porte chiuse sull’incompatibilità dell’assessore Tripoli

martedì 22 settembre 2015, 12:19   Politica  

Letture: 2.060

consiglio-comunale-24-luglioIl consiglio comunale riunitosi oggi è stato secretato e si svolge a porte chiuse, su decisione del segretario comunale Eugenio Alessi.
Alla base del provvedimento la tutela della privacy delle persone di cui si doveva parlare.
All’ordine del giorno la presunta incompatibilità dell’assessore ai lavori pubblici Luca Tripoli.
La decisione di secretare il consiglio comunale è stata duramente criticata dalle opposizioni.
Tripoli è stato accusato  da un cittadino bagherese (Gaetano Fabio Maggiore) secondo cui avrebbe mantenuto il proprio ruolo di tecnico progettista in relazione all’istanza di concessione demaniale (per la realizzazione di un’attività commerciale) sino al 19 febbraio 2015. In particolare, nello stesso periodo in cui sottoscriveva la dichiarazione con cui si impegnava a rinunciare ad ogni attività professionale (17/11/2014) l’assessore Tripoli ha inviato “in qualità di progettista” all’amministrazione regionale competente elaborati tecnici necessari all’istruzione della sua istanza di concessione, e solo diversi mesi dopo ultimati tutti gli adempimenti tecnici, ha proceduto (finalmente) alla sostituzione con altro progettista.
Sull’argomento il gruppo di minoranza in consiglio comunale, ha chiesto la convocazione straordinaria del consiglio per discutere la vicenda.
Per il gruppo, l’assessore Tripoli deve chiarire pubblicamente la sua posizione “poiché se si dovesse accertare ciò che ha dichiarato il cittadino Maggiore, i fatti assumerebbero una rilevanza notevole, poiché è stata violata qualunque norma di legge ma soprattutto si sarebbe creata una forte commistione tra interesse privato e ruolo”.
L’assessore Tripoli ha dichiarato di non avere continuato la sua attività durante il mandato assessoriale. Nei giorni scorsi ha inviato una lunga nota con la quale sottolinea che anche la regione Sicilia asserisce che non c’è nessuna incompatibilità.
Aggiornamento ore 14,25
La maggioranza non ha votato la straordinarietà e l’urgenza del consiglio comunale che viene interrotto e non entra nel merito dell’ordine del giorno.

foto di repertorio

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.