f Bagheria. Le minoranze criticano la decisione di secretare il consiglio | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Le minoranze criticano la decisione di secretare il consiglio

mercoledì 23 settembre 2015, 21:30   Politica  

Letture: 1.264

consiglieri minoranzaIl gruppo di minoranza passa al contrattacco e critica duramente la decisione dell’altro ieri in cui il consiglio comunale è stato secretato per motivi di privacy.“Esprimiamo profonda preoccupazione per i comportamenti antidemocratici posti in essere dal M5S in occasione del consiglio comunale di ieri, convocato al fine di fare luce sulle infamanti censure sollevate da un cittadino bagherese contro l’assessore Luca Tripoli, accusato di avere svolto, in palese violazione dell’articolo 60 dello Statuto comunale, attività professionale di architetto nel territorio bagherese nel periodo in cui lo stesso era assessore.”
Le opposizioni lanciano accuse al presidente del consiglio comunale Claudia Clemente, colpevole di avere secretato la seduta con l’avallo del segretario comunale.
Per la minoranza la decisione sarebbe stata adottata in palese violazione delle norme del regolamento sul funzionamento del consiglio comunale.
Per le minoranze le violazione dovranno essere accertata dagli organi competenti e definisce la decisione di secretare il consiglio “pretestuosa ed irrituale.
E’ palese a tutti che la sensibilità del Presidente Clemente nei confronti della privacy dei terzi ha, di fatto, impedito ai cittadini bagheresi di venire a conoscenza degli infamanti comportamenti contestati all’assessore Luca Tripoli.”
Nel comunicato diffuso, la minoranza  si chiede come mai il Presidente Clemente non ha dimostrato tale sensibilità in tutti quei consigli comunali in cui il tema oggetto di discussione era politicamente favorevole al M5S?
“Come se non bastasse, sebbene il consiglio fosse stato secretato, i consiglieri del M5S hanno votato contro la straordinarietà e l’urgenza della convocazione, cosicché il consiglio è stato chiuso senza consentire neppure ai consiglieri comunali di fare luce sulle gravi accuse rivolte all’assessore Luca Tripoli.”
Per i consiglieri di opposizione “la triste verità emersa in questo primo scorcio di consiliatura è che il M5S, a dispetto delle promesse di trasparenza, partecipazione e legalità il Comune con il M5S diventerà un palazzo di vetro, impedisce sistematicamente alle forze di minoranza di esercitare la propria funzione di controllo sull’attività posta in essere dall’amministrazione e dalla maggioranza (interrogazioni riscontrate a distanza di numerosi mesi, accessi agli atti non autorizzati o ritardati per mesi, omessa comunicazione ed informazione in ordine all’attività dell’ente, omessa presentazione in Consiglio della relazione del Sindaco sull’attività espletata nel primo anno, indisponibilità dei grillini ad offrire un modesto contributo economico per la trasmissione televisiva delle sedute di consiglio). Noi non possiamo fare altro che denunciare pubblicamente questi gravi comportamenti che, anche in questa occasione, hanno impedito ai cittadini di fare luce sui gravi fatti imputati all’assessore Tripoli. E evidente anche al più appassionato fan del M5S che non può essere sufficiente un comunicato stampa del del M5S per far luce sulla vicenda. E evidente a tutti che Bagheria vive una evidente emergenza democratica!”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.