f Si pente il pescatore di Porticello, condannato per la strage di Capaci | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Si pente il pescatore
di Porticello, condannato
per la strage di Capaci

lunedì 28 settembre 2015, 13:20   Cronaca  

Letture: 2.438

tribunale caltanissetta e d'amatoIl pescatore di Porticello, Cosimo D’Amato, condannato a 30 anni per la strage di Capaci e accusato di avere fornito il tritolo, sta collaborando con la giustizia.
La notizia è venuta fuori oggi nel corso del nuovo processo per la strage in cui morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i 3 uomini della scorta, il 23 maggio del 1992.
Il processo si sta celebrando davanti alla Corte d’Assisi di Caltanissetta. Il PM della DDA Stefano Luciani ne ha chiesto l’audizione.
Sotto processo con l’accusa di strage ci sono Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo lo Nigro Lorenzo Tinnirello.
D’Amato, secondo l’accusa, avrebbe fornito l’esplosivo ricavato da alcune bombe della seconda guerra mondiale, che si trovano nelle acque davanti a Porticello.
Il processo d’Appello vede imputati anche Giuseppe Barranca e Cristoforo Cannella.
Appare importante la collaborazione di D’Amato che potrebbe aprire nuovi scenari sule stragi del 92 e in quelle di Roma e Firenze, del 1993.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.