f Aspra. Assolti Stefania Lo Piparo e il padre Stefano dell'omicidio di R. Vitale | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Aspra. Assolti Stefania Lo Piparo e il padre Stefano dell’omicidio di R. Vitale

lunedì 19 ottobre 2015, 17:16   Attualità  

Letture: 6.274

stefania lo piparodi Martino Grasso

Assolti per non avere commesso il fatto. E’ una sentenza piena quella con la quale sono stati assolti, dall’accusa di avere ucciso il marito e il genero, Stefania e Stefano Lo Piparo, 41 e 68 anni. La sentenza è arrivata oggi dalla Corte d’Assise di Appello di Palermo. I due sono stati difesi dagli avvocati Giovanni Di Benedetto e Raffaele Restivo. Dopo 8 anni Stefania e il padre Stefano possono tirare un lungo respiro di sollievo.
La Corte d’Appello ha ribaltato la sentenza di primo grado con la quale erano stati condannati entrambi a 16 anni, per l’omicidio di Rosario Vitale, morto il 17 settembre 2007 per le ferite riportate da un coltello.
L’uomo si era recato ad Aspra dove la moglie era andata a trovare i genitori. Aveva un coltello. Era rimasto gravemente ferito all’addome. Dopo qualche ora è morto, malgrado l’intervento dei sanitari e i carabinieri. Il coltello non è mai stato ritrovato.

L’anno scorso il Tribunale aveva ritenuto la donna e il padre, colpevoli dell’omicidio.
Oggi la sentenza è stata ribaltata. I legali della donna sono riusciti a provare che non poteva uccidere il marito, anzi aveva cercato di aiutarlo tamponando la ferita.
Stefania Lo Piparo a poche ore dalla sentenza ha deciso di parlare.
“In questi 8 anni sono state dette un sacco di bugie. Sono stati anni  lunghissimi e posso dire che oggi giustizia è fatta.
Dopo la sentenza di primo grado mi è caduto il mondo addosso perché sapevo di essere innocente. Pensavo sopratutto a mio figlio Mauro, a cosa sarebbe potuto accadere se fossi stata condannata definitivamente. Per fortuna è andata bene.”
Stefania ha trascorso 8 anni bui con al fianco solo 2 amiche.
“In questi 8 anni molte persone mi hanno voltato le spalle, tranne due che voglio ringraziare pubblicamente: Paola Buttitta e Anna Blando. Sono state loro ad essermi vicine fino alla fine”.
Adesso ha voglia di mettersi tutto alle spalle e riprendersi la sua vita.
“Posso finalmente dedicarmi a mio figlio completamente. E’ lui la mia ragione di vita. Poi vorrei trovare un lavoro e perché no, trovare un compagno che deve amare, prima di me, mio figlio.”
Stefania  a causa della vicenda giudiziaria aveva anche perso il lavoro.
“Sono laureata in pedagogia e lavoravo all’Università di Palermo. Ma appena è accaduto tutto ho perso il lavoro.  In questi 8 anni sono stata aiutata economicamente dalla mia famiglia. Adesso spero di trovare una nuova occupazione.”
Chi le ha dato la forza di andare avanti in questi 8 anni?
“Mi ha aiutato la fede e la consapevolezza di essere innocente. E ho scritto tanto.”
Stefania Lo Piparo ha anche raccolto i suoi pensieri su carta. La sua storia diventerà presto un libro.
“E’ vero. Ho deciso di scrivere un libro su quello che è successo. Il libro sarà presto pubblicato. I proventi saranno devoluti in beneficenza. Non voglio soldi, ma voglio solo che la gente sappia come sono andate veramente le cose.”

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.