f Bagheria. In marcia, cantando e ballando, contro la mafia e il pizzo (foto) | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. In marcia, cantando e ballando, contro la mafia e il pizzo (foto)

sabato 14 novembre 2015, 13:28   Attualità  

Letture: 4.457

 

1di Martino Grasso

E’ stata una festa, dove tutti hanno cantato e ballato, contro la mafia e contro il pizzo.
La marcia di solidarietà per i commercianti che si sono ribellati contro il racket delle estorsioni si è trasformata in un raduno fatto di giovani, ma anche adulti in cui la gioia di vivere ha avuto il sopravvento.
Hanno preso parte, fra gli altri, anche il sindaco Patrizio Cinque, gli imprenditori antimafia Gianluca Calì e Mimmo D’Agati, ma anche i parroci Michele Stabile e Luciano Catalano, il giornalista Ismaele La Vardera, i commercianti Filippo Speciale, Giovanni Busetta e Michelangelo Balistreri, alcuni assessori e consiglieri comunali di vari schieramenti, rappresentanti di varie associazioni, esponenti delle forze dell’ordine e tanta gente comune.
C’erano anche tanti giovani di tutte le scuole di Bagheria.
L’iniziativa è stata organizzata da un comitato spontaneo, coordinato da Giuseppe Saeli.
marcia 2E’ stata una marcia insolita, dettata dai tempi e dalle canzoni del gruppo “Tossico divertenti” e “Bando alle ciance”.
Ha preso il via da piazza Matrice, proseguendo per il corso Umberto, sulle note della “Marsigliese” e l’inno di Mameli, per ricordare anche la tragedia di Parigi.
La marcia è andata avanti mentre i gruppi hanno suonato e cantato brani simbolo come “Imagine”, “O bla di o bla da”, ma anche i “Cento passi” per ricordare Peppino Impastato. E tutti a ballare e a cantare.
Il indaco Patrizio Cinque ha detto: “vogliamo essere al fianco degli imprenditori che hanno detto no alla mafia”, mentre loro, i commercianti che si sono opposti, si sono sentiti, finalmente, sostenuti dalla gente comune.
marcia 3“Sono contento di essere qui -ha dichiarato Mimmo D’Agati, uno dei 36  imprenditori che si è ribellato al pizzo- oggi ci sdentiamo davvero meno soli”, così come Gianluca Calì che ha sottolineato che l’unico modo per reagire e andare avanti è denunciare.
E’ stata davvero una marcia insolita e bella. Una marcia che forse segna, finalmente, il cambio dei tempi. Una marcia non sterile, ma in cui coloro i quali hanno partecipato lo hanno fatto con la consapevolezza e la voglia di dire “no” alla mafia e la pizzo.

 

marcia 4

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.