f Bagheria. La chiesa vicina ai commercianti che hanno denunciato il pizzo | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. La chiesa vicina ai commercianti che hanno denunciato il pizzo

sabato 7 novembre 2015, 13:57   Attualità  

Letture: 919

chiesa-Madredi Pino Grasso

La Chiesa bagherese prende posizione contro il pizzo e lo fa attraverso un messaggio redatto dalle Comunità ecclesiali che domani sarà diffuso nel corso di tutte le messe che saranno celebrate nelle dieci parrocchie cittadine. Nel messaggio si ricorda come nel lontano 15 agosto del 1982 in piena guerra di mafia che investì anche il territorio bagherese, allora tristemente chiamato “Triangolo della morte”, le Comunità ecclesiali alzarono il grido a favore di questa città perché non si lasciassero vincere dalla paura e si  impegnassero per la liberazione dalla mafia.
Tanto cammino è stato fatto – si legge nel comunicato – e non sono mancate le difficoltà nel prendere coscienza della pericolosità della mafia per la vita civile, per lo sviluppo della nostra imprenditoria e per la vita religiosa. Si credeva allora, da alcuni, che la mafia non fosse presente nel nostro territorio e, da altri, che la città proprio per la presenza di un ordine  protettivo mafioso poteva rimanere indenne dal traffico della droga e dal pizzo.
La grande marcia del febbraio 1983 da Bagheria a Casteldaccia, ripetuta trent’anni dopo nel 2013, ha visto protagonista per la prima volta unita nel secondo dopoguerra tutta la società civile (studenti, preti, sindacalisti, operai, professionisti, associazioni di vario genere).
La liberazione dalla mafia era diventata patrimonio comune e ora doveva coinvolgere la responsabilità di tutti”. Ciò che rende fiduciosa la Comunità ecclesiale bagherese è che in questi ultimi anni sono stati incarcerati gli autori di omicidi, intimidazioni, pizzo, e di questo si da lode alle forze dell’ordine e alla magistratura. Ma soprattutto rallegra ora la notizia che finalmente non uno, ma 35 commercianti e imprenditori bagheresi hanno sentito il bisogno di non lasciarsi intimidire dai delinquenti estortori e di collaborare con le forze dell’ordine.
“È un atto di fiducia verso le istituzioni – è scritto ancora – non vorremmo però che episodi recenti di corruzione di alcuni rappresentanti delle istituzioni compromettano questa fiducia. Vogliamo sperare che questa svolta di Bagheria sia non solo il frutto di una crescita della consapevolezza che senza legalità non si approda a nulla, ma anche, di una vera crescita di responsabilità morale”.
E di moralità in tutti i campi e a tutti i livelli le comunità ecclesiali auspicano la necessità. “Vorremmo che la testimonianza di questi imprenditori e commercianti diventasse una strada spianata per tutti, anche per la liberazione dal pizzo che a volte viene imposto da taluni non mafiosi a danno della giusta paga dovuta agli operai”. Le Comunità ecclesiali si impegnano a continuare il loro compito di formazione delle coscienze al rispetto della dignità della persona umana, di condanna di ogni forma di violenza e di intimidazione e ribadiscono che anche la sola appartenenza all’associazione mafiosa (anche nelle forme più sottili delle contiguità finanziarie e politiche) è incompatibile con la professione di fede cristiana nel crocifisso che si è donato per l’umanità. “
A sua volta la fede in Gesù risorto, mentre fa vivere alla comunità una nuova esperienza di liberazione incarnata nel tempo e nello spazio, la rende capace anche di pregare perché gli aderenti alla associazione mafiosa si convertano in questo anno santo della misericordia e tornino al vangelo di Gesù Cristo per sperimentare anche loro la liberazione dalla schiavitù del vitello d’oro, assetato di dominio, sordo e muto dinanzi alla sofferenza degli oppressi”.
Le Comunità ecclesiali infine si stringono insieme a tutti gli uomini liberi attorno a questi nostri coraggiosi fratelli e pregare per loro, per le loro famiglie, per il loro lavoro e auspicano che si possa uscire da un emergenza che non è solo di illegalità, ma emergenza sociale che attanaglia intere famiglie prive dei più elementari diritti.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.