f Bagheria. Operazione "Reset 2". Intercettazioni e contributo di Flamia | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Operazione
“Reset 2”. Intercettazioni
e contributo di Flamia

martedì 3 novembre 2015, 08:16   Cronaca  

Letture: 3.122

bagheria flamiaLe nuove intercettazioni che hanno dato impulso all’ultima operazione antimafia a Bagheria “Reset 2” vengono pubblicate dal sito “livesicilia” attraverso un articolo di Riccardo Lo Verso.
Lo Verso fa riferimento alle intercettazioni raccolte in carcere ad alcuni arrestati storici, fra cui Onofrio Morreale, che sul pentimento di Sergio Flamia disse: “…mi ha rovinato… mi consuma…”.
Morreale lo aveva detto durante un colloquio con la moglie nel carcere di Sulmona. Perché il pentimento di Flamia allontanò la data di scarcerazione per molti mafiosi di Bagheria sui quali sono piovute addosso nuove e pesanti accuse.
“Haiu l’occhi apierti (ho gli occhi aperti, ndr)”, era la parola d’ordine fra i boss che nel gennaio 2012 organizzarono la cerimonia di affiliazione di Flamia a Cosa nostra nel retrobottega di un panificio.
“Mi hanno fatto la punciuta del dito, facendo scorrere un po’ di sangue nella santina e facendomi fare il rito – raccontò Flamia -. Se tradisco Cosa nostra le mie carni bruceranno come questa santina … per tre volte, tenendo la santina che bruciava, nelle mani. Poi mi è stato detto che come parola d’ordine per riconoscerei tra gli associati, la parola d’ordine era: haiu l’occhi apierti”.
Lo Verso aggiunge che “nessuno immaginava che, un giorno non troppo lontano, i presenti si sarebbero dovuti difendere dalle sue accuse. Compreso il cugino, Pietro Giuseppe Flamia, detto il porco, che per la verità, stando alle intercettazioni dei carabinieri, ci ha messo del suo per aiutare gli investigatori a tracciare il suo presunto profilo criminale. Pietro Giuseppe aveva goduto nel 2013 di un anno di semilibertà durante il quale avrebbe imposto il pizzo a tappeto. Poi, tornato di nuovo in cella, l’anno scorso, come tutti i detenuti, ha iniziato ad avere la necessità di comunicare con l’esterno. Soprattutto per conoscere i nuovi equilibri e capire a chi chiedere aiuto economico per i parenti. Affidava le sue ambasciate alla moglie che andava a visitarlo in carcere. ” … però stai attenta… alle volte… all’uscita… hai capito? – le diceva – all’uscita non ti controllano… neanche ti guardano … mi hai capito?… stai sempre attenta… eventualmente te lo metti in bocca”.
Soldi, servivano tanti soldi. Era la preoccupazione principale per tutti. Lo era stato anche per Sergio Flamia che, quando era ancora un uomo d’onore, aveva ricevuto dal capomafia, Gino Di Salvo, il compito di gestire la cassa del mandamento: ” … c’è stata quella mattinata che ci siamo visti… sono rimasti… duemila e cinquecento euro… da Ficarazzi… gli ha detto: Zu Gi… se li metta nella cassa… glieli facciamo avere alla moglie di Nino (Antonino Zarcone che si sarebbe poi pentito, ndr)… deve andare a colloquio… cose… devono viaggiare…”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.