f Sergio Flamia: "un prete di Altavilla Milicia al servizio di alcuni boss mafiosi" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sergio Flamia: “un prete di Altavilla Milicia al servizio di alcuni boss mafiosi”

lunedì 23 novembre 2015, 20:39   Attualità  

Letture: 4.576

bagheria flamiaUn prete di Altavilla Milicia al servizio di alcuni mafiosi.
La rivelazione è del collaboratore di giustizia di Bagheria Sergio Flamia. Non è stato ancora rivelato il nome del prete che pare sia stato già identificato.
La conferma alle dichiarazioni di Flamia è arrivata da un altro collaboratore, Antonino Zarcone: “Tramite Sergio Flamia ne ho parlato, se non mi sbaglio, di Lo Bue… che se avevamo bisogno di metterci in contatto con lui, tramite.. mi diceva Sergio, il prete di Altavilla Milicia… il cappellano di Altavilla Milicia”.
Secondo Flamia, il prete sarebbe stato a disposizione di uno degli arrestati del blitz dell’altro giorno, Rosario Lo Bue, di Corleone. Flamia lo ha rivelato nel corso dell’interrogatorio del 26 febbraio 2014.
Il collaboratore lo ha riferito durante uno dei dialoghi avuti in carcere con Rosario Lo Bue, questi lo avrebbe rassicurato dicendo che  per una sua eventuale intercessione con Onofrio Morreale, altro esponente del mandamento di Bagheria, al fine di redimere una controversia per i giudizi poco lusinghiere espressi su Morreale e rivelati dalle intercettazioni su Pino Scaduto nel corso delle investigazioni dell’operazione Perseo.
Una volta scarcerato, Rosario Lo Bue, indicava a Flamia il soggetto a cui avrebbe potuto rivolgersi per veicolare il contatto ed organizzare gli incontri: il prete di Altavilla Milicia.
Flamia avrebbe detto: “Per quanto riguarda Corleone, il Mandamento di Corleone, se ne occupa Rosario Lo Bue. L’ho conosciuto in più occasioni in carcere, per un periodo siamo stati per un periodo siamo stati addirittura detenuti nella stessa sezione nel carcere di Pagliarelli.
L’ultima volta durante il procedimento del Perseo, da quindi 2009-2010.
L’unica cosa che io posso dire è che… nel periodo di detenzione del procedimento Perseo passeggiavamo quasi tutti i giorni all’area insieme e un giorno parlando di Onofrio Morreale.
…dove io gli facevo capire che avevo qualche preoccupazione di quello che usciva dagli atti processuali di come ne parlava Pino Scaduto su Onofrio Morreale, che diceva che si tratta ri un pupu vestutu.. si tratta di queste cose… ci rissi: “io onestamente di queste non ne ho mai.. ci rissi.. non m’interessa..” dice: “No, dice, vabbè non ti preoccupare, dice, casomai dovessi avere problemi quando esci con ‘Nofrio.. Onofrio Morreale..”
“Per cose urgenti, per cose urgenti, se hai bisogno di parlare con me, ti devi rivolgere al Prete di Altavilla Milicia, gli fai sapere che devi parlare con me che lui sa, ti dirà lui come incontrarci.”

(notizie tratte da blogsicilia.it)

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.