f Bagheria. Il consiglio comunale ha approvato un debito fuori bilancio di 45 mila euro | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il consiglio comunale ha approvato un debito fuori bilancio di 45 mila euro

martedì 29 dicembre 2015, 13:25   Attualità  

Letture: 1.404

 

consiglio comunale 28 dicembre 2015di Martino Grasso

In un clima tutto sommato sereno, senza troppi attacchi da ambo le parti, il consiglio comunale ha approvato un debito fuori bilancio relativo ai contributi degli scorsi anni per i 31 dipendenti a tempo determinato.
Si è parlato anche della stabilizzazione dei precari e del possibile prepensionamento di alcuni dipendenti comunali che ne hanno fatto richiesta. Il debito fuori bilancio era di circa 45 mila euro per i contributi non versati relativi agli ultimi 5 anni.
La delibera è stata approvata solo dai consiglieri comunali del Movimento 5 stelle. Bocciato invece l’ordine del giorno presentato dai consiglieri comunali dell’opposizione sul prepensionamento e sulla stabilizzazione dei precari. Secondo i proponenti, il prepensionamento avrebbe consentito di ridurre drasticamente le spese e consentire la stabilizzazione dei precari. E’ stato sottolineato che su 16 dipendenti che hanno chiesto il prepensionamento solo 2, di fascia A e B, potrebbero ottenerlo.
Per gli altri la strada non è percorribile, ha sottolineato l’assessore al bilancio Maria Laura Maggiore, perché la legge non consente il prepensionamento di dipendenti e la sostituzione con altri.
Sui contrattisti l’amministrazione ha tenuto a sottolineare che si è avviata la procedura per la stabilizzazione attraverso dei concorsi, anche se dai banchi delle opposizioni è stato detto che questa strada non è percorribile e quindi strumentale.
“L’amministrazione ha dato delle rassicurazioni ai dipendenti a tempo determinato -dice Marco Maggiore, del M5S- sia per quel che riguarda la proroga, per la quale si attende l’approvazione della finanziaria alla Regione, sia per la stabilizzazione, visto che la Corte costituzionale ha espresso una sentenza che permette anche ai comuni in dissesto di stabilizzare i precari.”
Per Maurizio Lo Galbo di forza Italia: “l’amministrazione Cinque non solo inspiegabilmente ha bocciato il nostro Odg, ma inoltre, come se non bastasse, per tutta la seduta di consiglio comunale tergiversava sulle domande specifiche che gli venivano sottoposte, creando ulteriori dubbi e perplessità. Avevamo proposto un percorso chiaro di rigore che portava un risparmio notevole per l’ente, dando respiro alle casse comunali. Consisteva nel prepensionamento di almeno 23 dipendenti comunali in possesso dei requisiti pre Fornero, dando la possibilità di una riorganizzazione funzionale in pianta organica, nella quale si sarebbe previsto un congruo numero di posti che potevano servire alla stabilizzazione dei precari, come è accaduto in vari comuni siciliani in condizioni finanziarie identiche come Bagheria. La nostra proposta ben articolata e studiata nei minimi particolari, prevedeva l’assunzione dei 31 contrattisti nel 2017 a 24 ore senza alcun onere per il comune di Bagheria rifacendoci alla legge nazionale, non come sta intraprendendo la fantomatica stabilizzazione questa amministrazione a 11 ore tutte a carico del nostro Comune e dei cittadini bagheresi. Inoltre il bando in corso proposto dall’amministrazione Cinque, non solo è senza autorizzazione del ministero degli interni, ma in più subordinato all’approvazione della delibera del fabbisogno triennale 2015 – 2016 – 2017, che ormai essendo alle porte del 2016 il fabbisogno triennale deve essere riformulato e ripresentato nuovamente al ministero, quindi 2016 -2017 -2018. Si rischia di procedere con un bando, che non potrà mai arrivare ad assumere alcun dipendente”.

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.