f Pentito bagherese rivela: "Messicati Vitale ha rischiato di essere ucciso" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Pentito bagherese rivela: “Messicati Vitale ha rischiato di essere ucciso”

sabato 19 dicembre 2015, 10:57   Cronaca  

Letture: 2.298

messicati vitaleUno degli ultimi pentiti di Bagheria, Salvatore Sollima, ha raccontato che il boss di Villabate, Antonino Messicati Vitale, ha rischiato di essere ammazzato.
La notizia è stata riportata da Riccardo Lo Verso con un articolo su livesicilia.it.
L’omicidio sarebbe stato poi scongiurato perchè Messicati Vitale fu nuovamente arrestato.
La notizia fa parte dell’inchiesta “Panta Rei” con i numerosi arresti messi a segno nei giorni scorsi.
Sollima ha avrebbe raccontato che era tutto pronto. La decisione sarebbe stata maturata nei primi mesi del 2014, quando Messicati Vitale era tornato in libertà, dopo essere stato arrestato a a Bali.
Sollima avrebbe raccontato “Tonino Messicati aveva dato ordini di prendersi il paese di Villabate nelle mani sue, che già c’era Giuseppe Costa, io e Pitaressi, dove lui Vitale autorizza uno che ci dicono u francisi… autorizza a lui di dirgli a Giuseppe Costa di consegnare la lista del paese a lui.”
Il collaboratore avrebbe detto agli inquirenti che a Bagheria il compito di ricostruire il mandamento sarebbe stato affidato a Giampiero Pitaressi coadiuvato da Giuseppe Costa e Nicolò Testa.
Dopo la prima scarcerazione, Messicati Vitale avrebbe preteso di riprendere in mano il potere. Solo che nel frattempo sarebbero stati scelti i nuovi capi che non erano disposti a cedere il potere. Erano pronti a tutto, anche ad eliminare Messicati Vitale. “Qua stava succedendo qualche sparatoria – racconta Sollima -… alle cinque andava in caserma a firmare… non è successo mai nulla perché c’erano ogni volta che noi andavamo da lui c’era sempre qualche impedimento, c’erano troppi carabinieri, forse stavano facendo indagini su di lui, una cosa del genere”.
Lo Verso scrive che :”Sollima faceva parte del commando di morte che non entrò mai in azione: “Ero sempre io, Giuseppe Costa e Giampiero…”. Armati fino a i denti con pistole calibro 38 e 7.56, si muovevano in sella a motociclette rubate a Palermo. Nel mirino non c’era solo Messicati Vitale: “Come doveva cadere a terra Vitale, doveva cadere a terra pure il francese, perché il francese diceva che Villabate era suo e Villabate se lo doveva prendere lui, finché un bel giorno è uscito… omissis… e… omissis… gli ha fatto.. si sono incontrati con questo francese e gli ha detto di starsi al suo posto, perché … omissis … era un uomo d’onore della famiglia di Villabate”.
Gli omissis coprono il nome del personaggio scarcerato e in grado di mettere in riga il francese, di cui i militari conoscono già l’identità. Si tratta di un personaggio già noto alle cronache giudiziarie. Alla fine il progetto di morte non andò in porto perché “successe che a lui l’hanno arrestato”. Tonino Messicati Vitale finì manette nell’ottobre 2014. Il carcere gli salvò la vita. Ora è di nuovo un uomo libero per scadenza dei termini di custodia cautelare.”

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.