f Santa Flavia. Oggi tavola rotonda sulla lingua siciliana a villa Oliva | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Santa Flavia. Oggi tavola rotonda sulla lingua siciliana a villa Oliva

lunedì 7 dicembre 2015, 08:20   Cultura  

Letture: 1.530

villa-olivaOggi, lunedì 7 dicembre, alle ore 18 a  Villa Oliva a Santa Flavia, si svolgerà la tavola rotanda dal titolo ” dalla lingua siciliana, alle tradizioni popolari della nostra terra”.
Si tratta di un evento organizzato da CambiAmo la Sicilia e realizzato grazie alla collaborazione dei fondatori di Villa Oliva, antica dimora dei principi Filangeri, oggi restituita al territorio grazie al lavoro della cooperativa a scopo mutualistico Sviluppo Sicilia, costituita da Marcello Spingola, erede morale della famiglia Filangeri.
Parteciperanno Professore Cipolla, docente di lingua italiana alla St. John’s University di New York e fondatore del movimento Arba Sicula che da anni promuove la diffusione della lingua e della cultura siciliana nel mondo. Numerosi gli interventi previsti, come il professore Lo Iacono, Ettore Piccione, espereto di tradizioni popolari, il  maestro Vitale, il poeta dialettale Antonino Gagliano, il pittore Carlo Puleo, e Michele Ducato, erede della dinastia di pittori popolari di carretti siciliani.
Previste anche le danze medievali realizzate dal coreografo Salvatore Giaconia, dell’Associazione teatrale “Tema”.
Si percorrerà la storia della Sicilia, con un approfondimento sul valore della lingua siciliana e delle più interessanti tradizioni.
“Il nostro obiettivo -sottolinea continua Sabrina Figuccia, presidente di CambiAmo la Sicilia- è quello di far riscoprire il valore delle tradizioni alle giovani generazioni per ripartire da queste con un rilancio economico del nostro territorio, offrendo ai tanti ragazzi in fuga nuove opportunità di sviluppo a partire dal turismo e dalla valorizzazione delle risorse artistiche, culturali, gastronomiche e naturalistiche.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.