f Bagheria. Il sindaco ancora nella bufera per un video. Lui replica: "stavolta querelo" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il sindaco ancora nella bufera per un video. Lui replica: ”stavolta querelo”

giovedì 18 febbraio 2016, 20:35   Attualità  

Letture: 3.867

sindaco e fabio atanasio 1Il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque, è ancora al centro di polemiche furibonde, dopo quelle legate all’inchiesta del programma “Le Iene” sulla casa abusiva di famiglia.
L’ultima polemica è venuta fuori questo pomeriggio ed è relativa ad un video, girato alla fine del mese di novembre dello scorso anno, in cui il sindaco viene ripreso mentre urla, durante  la pausa di un consiglio comunale,  ad un ex dipendente ex Tenporary, del servizio raccolta rifiuti, che protestava nell’aula consiliare.
“Io ti strappo il cuore”, si sente nel video girato con un telefonino, di appena 13 secondi, durante la pausa della seduta. In poco tempo il video è diventato virale sui social network.
Anche in questo caso c’è chi è contro e chi a favore, parlando di “macchina del fango” contro il sindaco. Il video è stato anche postato dal sito di Repubblica di Palermo e da altri siti.
Patrizio Cinque dalla sua pagina Facebook personale replica: “gira un video in cui grido contro un ex netturbino.
L’ex netturbino, il quale già in passato ha quasi accoltellato il precedente sindaco, dopo mesi e mesi di offese, appostamenti, avvicinamenti, durante la pausa di un consiglio comunale mi ricordava che “ho dei nipotini”.
Ho sopportato tutto ma non che “velatamente” mi facesse intendere di stare attento alla mia famiglia.
Il soggetto in questione è noto alle forze dell’ordine. Evidentemente non lo è alla stampa. Stavolta querelerò chiunque proverà a ledere la mia immagine.”
L’episodio è stato anche riportato dal telegiornale di Rai 1.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.