f Bagheria. Nuovo processo ad un uomo accusato di avere violentato la nipote | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Nuovo processo ad un uomo accusato di avere violentato la nipote

venerdì 26 febbraio 2016, 07:47   Cronaca  

Letture: 1.984

tribunale-di-palermoBisognerà celebrare un nuovo processo per una storia di abusi sessuali su una giovane. I fatti si riferiscono al 2004. Coinvolto un uomo di 43 anni che avrebbe abusato della nipote disabile di 21 anni.
L’uomo era stato condannato a 6 anni con il rito abbreviato nel marzo del 2013, verdetto confermato anche in Corte d’Appello.
La Cassazione ha però annullato la sentenza per un vizio processuale e bisognerà celebrare un nuovo processo che ha preso il via ieri mattina al Tribunale di Palermo.
Il collegio è presieduto da Vincenzina Massa. Saranno i periti incaricati a valutare l’effettiva capacità di intendere e volere della vittima, dunque la sua credibilità. Ed è stata la mancanza perizia sulla donna ad avere portato alla nullità la sentenza.
La vicenda venne alla luce all’inizio del 2004, quando a Bagheria, la giovane, venne affidata alla nonna, per le difficoltà della madre.
La giovane, allora 21enne, sarebbe stata ripetutamente violentata dallo zio e minacciata affinchè non parlasse.
La ragazza ha riferito che poi sarebbe stata fuggita. La lo zio l’avrebbe cercata e poi trovata. La giovane era quindi tornata a casa della nonna.
Ma ad intervenire furono gli agenti del commissariato di polizia di Bagheria che hanno avviato le indagini.
Le accuse sarebbero state ritenute attendibili dalla Procura e dai consulenti.
In primo grado l’uomo è stato condannato a 6 anni, confermati in appello.
Ma adesso si deve celebrare un altro processo.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.