f Bagheria. Massimo Cirano: "ignoti hanno presentato una falsa denuncia a mio nome" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Massimo Cirano: “ignoti hanno presentato una falsa denuncia a mio nome”

venerdì 11 marzo 2016, 16:28   Attualità  

Letture: 1.956

 

cirano massimoIl Movimento per l’Indipendenza della Sicilia e il consigliere Massimo Cirano con un  comunicato stampa, rendono noto che ignoti hanno usato il nome del consigliere e  del gruppo politico a cui appartiene per denunciare probabili reati.

“Sono venuto a conoscenza di una denuncia sporta a mio nome -dice Cirano- , mi sono informato dell’esistenza del suddetto atto presso il comando dei Vigili urbani di Bagheria, ricevendo conferma della denuncia e dell’avvenuto accertamento.”
Dopo aver preso visione del suddetto atto di denuncia, il consigliere Massimo Cirano ha dichiarato l’illegittimità di quel documento disconoscendone la titolarità a proprio nome e a nome del proprio gruppo politico.
“Ancor più grave il fatto che si è dato seguito ad una denuncia senza preventivamente verificare l’identità del mittente, procedendo, addirittura, con l’accertamento in loco. Ho sempre svolto la mia attività di consigliere in prima persona e riconoscendo, se non addirittura preannunziando, la paternità delle mie azioni.
Infatti, in diverse occasioni, ho effettuato diverse denunce e diffide a terzi, addirittura pubblicandone il contenuto sulla carta stampata nonché sui web magazine esponendosi senza alcun timore.”
Nella nota il movimento sottolinea che “a questo punto sono due le ipotesi che motivano il comportamento di coloro che hanno posto in essere, artatamente, un’azione a dir poco vile come questa: o hanno voluto screditare il consigliere Cirano ed il Movimento a cui appartiene, visto il notevole consenso popolare che stanno riscuotendo, oppure, non avendo avuto il coraggio di attribuirsi e firmare la loro denuncia, hanno preferito intestarla indebitamente ad altri. Sicuramente “ignobile” è un’azione del genere, e non invece la richiesta di istituire una commissione di indagine sulla incompatibilità, di coloro che rivestono cariche amministrative, in merito alle decisioni da prendere sulla problematica dell’abusivismo così come hanno correttamente richiesto i consiglieri del Gruppo M.I.S. in Consiglio comunale.”

 

 

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.