f "Concorrenza" per il trasporto dei bambini tra la navetta del Comune e del Pd | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

“Concorrenza” per il trasporto dei bambini tra la navetta del Comune e del Pd

venerdì 29 aprile 2016, 15:34   Attualità  

Letture: 1.495

navetta 2di Michela Gargano

Un “corri corri” tra le corse dei pulmini che da martedì si sono adoperati per il trasporto dei bambini da Aspra alle scuole di Bagheria, necessità emersa già da tempo a seguito della chiusura delle scuole della frazione marinara.
Ma le corse, qui, riguardano anche le varie testate giornalistiche che sino ad ora si sono interessate dell’argomento. Infatti, presente nuovamente ad Aspra è stata ‘La Repubblica’, con la giornalista Claudia Brunetto il cui primo articolo sul tema ha visto anche l’attenzione di Roberto Saviano che lo ha condiviso sul famoso social network Twitter. Le prime luci del mattino costano ad Aspra, in questi giorni, gli obiettivi delle telecamere puntati addosso perché torna l’incertezza tra bimbi e genitori di vedersi garantito un diritto che insieme a quello dello studio è quello di raggiungere il sito scolastico.
Si è già detto più volte che a fronte del problema sono state messe a disposizione due navette: quella comunale e quella del Pd. Il motivo che ha spinto la giornalista de ‘La Repubblica’ a ripresentarsi nella borgata marinara attiene al fatto che pare ci sia una sorta di ‘boicottaggio’ in corso da parte dei genitori che spingono i piccoli a popolare la navetta ‘democratica’, lasciando semivuota quella messa a disposizione del comune. È stato chiesto, perciò, ai bambini che hanno viaggiato sulla navetta comunale quanti fossero stati sino a quel momento e hanno dichiarato di essere stati sempre in pochi.
Il boicottaggio, pertanto, se effettivamente di boicottaggio si tratta, sembrerebbe essere una sorta di protesta contro l’amministrazione che avrebbe “tardato nel provvedere a risolvere il problema” come ha sostenuto qualcuno.
Abbiamo incontrato i genitori dei bambini che hanno sostenuto di sentirsi maggiormente tutelati con la navetta del Pd che avrebbe garanzie maggiori.
Le mamme rimproverano “la superficialità con la quale sono state prese le autorizzazioni da parte del comune” e lamentano “il fatto che nessuno accompagni i bimbi nei viaggi con il pulmino comunale”. Ciò si evince anche dal servizio de ‘la Repubblica’ in cui viene detto che “non piacciono le autorizzazioni che ci sono e che i bimbi vengono ammassati”.
Una delle mamme, Antonella Ristuccia, sottolinea che  “circolava loro la notizia della possibilità che il servizio comunale dovesse essere sospeso già dalla fine di questa settimana. Il motivo della situazione riguarda l’assenza di un accompagnatore che, insieme all’autista, dovrebbe far strada ai piccoli. Sembra che ci sia l’intenzione del comune di proseguire con il servizio, ma non ci sia la disponibilità dello stesso di procurarsi un accompagnatore. Tra l’altro, stamane, proprio per questo motivo due bambini, in attesa della navetta comunale, sono rimasti a piedi perché l’autista non sapeva di doversi fermare per scarse informazioni di servizio.”
Sul posto era presente anche Michelangelo Martorana, consigliere della circoscrizione di Aspra, che da tempo ha sollevato il problema.
“E’ dal Novembre del 2014 che chiedo di intervenire sulla situazione delle scuole di Aspra. Ho fatto più volte sopralluoghi all’interno delle scuole per valutarne la struttura e ho visto situazioni indecenti e pericolose che ho sottolineato sia ai dirigenti scolastici sia alla stessa circoscrizione. Sono un muratore e in quanto tale riconosco la gravità dei problemi di una struttura, i lavori precedenti fatti senza alcuna logica di costruzione e i lavori che invece andrebbero fatti per rimediare. Ad oggi, Aprile 2016, penso che tutte le promesse fatte dall’amministrazione siano solo delle bugie e che gli intenti siano altri”

 

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.