f Bagheria. Lo Galbo: "diamo il gettone di presenza alla missione di Biagio Conte" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Lo Galbo: “diamo
il gettone di presenza alla missione di Biagio Conte”

giovedì 7 aprile 2016, 10:18   Attualità  

Letture: 1.195

 

lo galbo mau.Il consigliere comunale Maurizio Lo Galbo ha presentato una proposta al consiglio comunale con la quale si prevede di devolvere un gettone di una seduta del consiglio comunale di Bagheria a favore della missione di Biagio Conte di Palermo.
L’iniziativa è stata già promossa da altri centri siciliani.
Lo Galbo nella nota ricorda che sono oltre mille le persone che vengono ospitate nei 3 centri palermitani del missionario laico e che versano in grosse difficoltà economiche.
Ecco di seguito la nota completa presentata nei giorni scorsi.
Al Presidente del Consiglio Comunale di Bagheria
SEDE
PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE
Oggetto: Adesione alla campagna “Missione Comune per Biagio Conte”.

Premesso che:

  • da circa 25 anni opera a Palermo la “Missione di Speranza e Carità”, fondata nel 1991 dal missionario laico Biagio Conte;
  • attualmente, nelle tre sedi della Missione vengono ospitate oltre mille persone, fra uomini, donne e bambini, prive di mezzi di sostentamento e provenienti da molteplici aree geografiche;
  • grazie all’aiuto di centinaia di volontari, la Missione distribuisce migliaia di pasti ogni giorno, fornisce assistenza medica, farmaceutica e servizio docce e vestiario per i tanti bisognosi ed indigenti che ogni giorno si presentano alla porta della struttura di accoglienza;
  • l’azione della Missione si concretizza in importanti interventi effettuati da gente comune che, con spirito caritatevole, assiste e sostiene anche le famiglie indigenti al solo scopo di alleviarne la condizione di precarietà quotidiana e di integrare le diverse culture;
  • le suddette pregevoli attività al servizio dei più deboli vengono svolte in immobili pubblici, originariamente in stato di estremo degrado ed incuria, ottenuti con grandi difficoltà ed ostacoli, che oggi “vivono” grazie all’impegno degli stessi ospiti, dei volontari, dei sostenitori e delle associazioni, il cui supporto ne ha consentito il risanamento, “una pietra dopo l’altra”, trasformandoli da luoghi abbandonati in case di accoglienza, solidarietà e speranza;

Considerato che:

  • la Missione è afflitta attualmente da gravissimi ed irrisolti problemi, tra i quali la “querelle” giudiziaria relativa ai capannoni dell’ex fonderia Basile, che rischia di mettere in serio pericolo il prosieguo delle varie attività umanitarie intraprese;
  • qualche giorno addietro, fratel Biagio, in una lettera pubblica, ha manifestato tutta la sua delusione e sconforto per le continue difficoltà incontrate, annunciando addirittura la volontà di lasciare Palermo poiché “è impossibile in questa regione di Sicilia fare opere giuste”;

Ritenuto che:

  • le Istituzioni, a tutti i livelli, non possono rimanere indifferenti a siffatta perdurante situazione e devono, invece, porre in essere ogni azione volta a salvaguardare e sostenere i progetti e le attività sociali della “Missione di Speranza e Carità”;
  • una eventuale cessazione dell’azione umanitaria della Missione rappresenterebbe il venir meno di un importante punto di riferimento, di appoggio e di sostentamento per i tanti bisognosi che improvvisamente perderebbero la possibilità di una assistenza dignitosa;
  • la politica, le Istituzioni e tutti i siciliani non possono restare impassibili davanti ad una simile emergenza sociale, in quanto ciò determinerebbe un vero e proprio fallimento dei principi di solidarietà e servizio posti alla base dell’azione pubblica;
  • in tale ottica, è necessario che le comunità locali e i Consigli Comunali siciliani diano un segnale forte contro l’indifferenza, attraverso un aiuto concreto nei confronti di chi ogni giorno, in maniera totalmente disinteressata, dona tutto se stesso senza riserve in favore del prossimo, di chi non ha nulla, degli ultimi, senza chiedere nulla in cambio;

Tenuto conto, altresì, che:

  • l’appello rivolto a tutti i Comuni siciliani, attraverso le pagine del Giornale di Sicilia, ha già suscitato il vivo interesse ed ha raccolto le adesioni di moltissimi amministratori locali di diverse province;
  • l’Anci Sicilia, in rappresentanza dei Comuni, ha espresso la volontà di sostenere l’iniziativa;
  • tale “sfida” contro l’indifferenza rappresenta un importante atto concreto per il perseguimento del bene comune e lo sviluppo solidale della collettività;

SI PROPONE

  1. di approvare la presente proposta le cui premesse e considerazioni costituiscono parte integrante e sostanziale;
  2. di aderire all’iniziativa denominata “Missione Comune per Biagio Conte”, volta a sostenere le attività della “Missione di Speranza e Carità” con sede in Palermo;
  3. di devolvere il gettone di presenza della seduta consiliare spettante ai consiglieri comunali alla “Missione di Speranza e Carità” con sede in Palermo;
  4. dare mandato agli uffici finanziari dell’Ente di versare l’importo come sopra determinato sul conto corrente bancario presso: Banca Unicredit
    IBAN: IT93D0200804694000300338107 – COD. BIC. BSICITR1277.

Il consigliere comunale Maurizio Lo Galbo

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.