f Bagheria. Commozione ai funerali di Roberto, il 26enne morto in un incidente | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Commozione ai funerali di Roberto, il 26enne morto in un incidente

sabato 16 aprile 2016, 11:53   Attualità  

Letture: 16.788

funerali roberto iannelli

di Martino Grasso

Dopo i giorni della speranza è arrivato il giorno del dolore e delle lacrime. Si sono svolti oggi i funerali di Roberto Iannelli, il giovane di 26 anni morto mercoledì scorso dopo 12 giorni agonia. Roberto era rimasto coinvolto in un incidente stradale avvenuto la sera dell’1 aprile in via Dante. La sua moto si scontrò con una Lancia Y.  Il ragazzo venne portato in ospedale, Si sperava che si potesse risvegliare e riprendere. Ma non ce l’ha fatta.
Tantissimi gli amici che hanno affollato la chiesa di Maria Immacolata per l’ultimo saluto. Lo hanno fatto in un rispettoso silenzio. Si sono stretti attorno ai genitori Caterina e Vincenzo e ai fratelli Marco e Andrea. E Marco ha seguito il rito funebre in piedi, accanto alla bara del fratello.
Il rito funebre è stato celebrato da padre Innocenzo Giammarresi.
Il parroco durante l’omelia ha ricordato il ragazzo: “Roberto era un combattente. Era forte. Non si arrendeva mai. Aveva tanti progetti e ideali. Si era creato un’opportunità di lavoro con i computer e aveva anche dato lavoro ad altri. Era volitivo e determinato. E soprattutto amava la vita”.
Il parroco ne ricorda anche la sensibilità: “adorava il nipotino Mattia e amava tanto i bambini. Con la sua ragazza Valeria avevano anche adottato un bambino a distanza. A dimostrazione di una sensibilità profonda”.
Don Giammarresi rivolgendosi agli altri ragazzi presenti li ha esortati ad avere prudenza nella guida: “mettete il casco e abbiate un atteggiamento di rispetto verso le regole. Fate attenzione”.
Ha anche esortato tutti a non lasciare sola la mamma e i fratelli e di stare loro vicini.
Ha concluso salutando Roberto con un “arrivederci in Paradiso”.
Il rito funebre si è concluso con una lettera molto toccante degli amici.
“Eri il più piccolo ma anche il più forte. Eri un pilastro, sempre presente, sorridente, umile e affettuoso. Ci hai insegnato molto. Ciao piccolo grande uomo”.
La bara è stata portata fuori dalla chiesa sulle spalle di alcuni amici. Due ali di persone hanno salutato per l’ultima volta Roberto con un lungo, interminabile, struggente e affettuoso applauso.

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.