f Bagheria. Sospesa la nomina del commissario ad acta per prelevare soldi dal Coinres | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Sospesa la nomina del commissario ad acta per prelevare soldi dal Coinres

mercoledì 18 maggio 2016, 08:02   Attualità  

Letture: 2.637

tardi Martino Grasso

Il Presidente del Tar Calogero Ferlisi, ha sospeso la nomina del Commissario ad acta, Nicola Russo,  inviato dall’Assessorato Regionale Energia per prelevare i soldi da versare al Coinres per il servizio reso lo scorso anno.
Il provvedimento è efficace fino al 9 giugno, data della Camera di Consiglio fissata davanti alla I sezione del Tar Palermo. In quella sede sarà assunta la decisione cautelare definitiva.
Ieri mattina il Commissario ad Acta si era recato presso il Comune per avviare la procedura di pagamento ma in esito al provvedimento del Tar ha sospeso l’emissione del relativo provvedimento.
L’assessorato nelle scorse settimane,  aveva inviato il commissario ad acta per recuperare la somma di 1.644.480,87 euro per presunti debiti che aveva contratto il Comune.
L’amministrazione aveva affidato all’avvocato Vittorio Fiasconaro la difesa dell’Ente.
l Tar scrive che “considerato che, in effetti, la rilevanza dell’importo preteso dal Consorzio intimato (1.644.480,87 euro) potrebbe determinare squilibri nell’assetto contabile del Comune, in atto “interessato dalla procedura liquidatoria del dissesto dichiarato nell’anno 2014” (così nell’istanza predetta), con possibili effetti negativi sull’erogazione di servizi pubblici e/o sul pagamento di spese obbligatorie per legge” e che “secondo la medesima prospettazione “la quota più rilevante del preteso debito attiene al periodo aprile – ottobre 2015 in cui il Comune ha già corrisposto il corrispettivo al soggetto che ha gestito effettivamente il servizio (Tech Servizi srl)”, di guisa che la somma richiesta configurerebbe “… una secca duplicazione di pagamento, con determinazione immediata di danno erariale”.

 

 

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.