f Bagheria. Sarà gestito da privati il palazzetto dello sport | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Sarà gestito da privati il palazzetto dello sport

lunedì 2 maggio 2016, 14:58   Attualità  

Letture: 1.743

Palazzetto sportdi Pino Grasso

Il Palazzetto dello sport “Carlo Alberto Dalla Chiesa ed Emanuela Setti Carraro” che sorge in una zona immersa nel verde in contrada “Santa Marina” a Bagheria, sarà affidato in gestione ai privati. Lo ha deciso la Città metropolitana di Palermo.
A tal proposito il dirigente della Direzione edilizia scolastica, sportiva turistica e per le attività produttive – Sovrintendenza Beni culturali, ingegnere Claudio Delfino ha emanato il relativo bando che prevede l’affidamento a soggetti pubblici, società sportive, federazioni sportive, enti di promozione sportiva o società aderenti, privati abilitati all’insegnamento della ginnastica, società provate che perseguono finalità ricreative e sociali nell’ambito dello sport e del tempo libero che dimostrino capacità operativa adeguata alle attività da realizzare.  La gestione dell’impianto potrà avvenire da parte di più società e soggetti pubblici che si accordino tra loro.
La durata della convenzione è fissata in cinque anni a decorrere dalla consegna dell’impianto prorogabili una sola volta e per un massimo di 60 mesi. Sarà possibile anche gestire il servizio bar, tavola calda – ristoro già esistente all’interno dell’impianto.
L’importo del canone che il gestore dovrà corrispondere alla Città metropolitana di Palermo viene stabilito in 21.000 euro annue. Il termine entro il quale fare pervenire le manifestazioni di interesse alla Città metropolitana di Palermo scade alle ore 12 del prossimo 30 maggio.
La struttura costruita nel 1999 nell’ambito delle Universiadi svoltesi in Sicilia ha una capienza di 2.000 posti a sedere, ricavati in quattro gradinate con 15 file e 500 posti, servizi igienici, spogliatoi per atleti e arbitri, una palestra di preriscaldamento, servizi per il pubblico, locali ed impianti tecnologici, aree di parcheggio e spazi a verde. La struttura può ospitare manifestazioni di pallamano, pallavolo, calcio a cinque, pallacanestro e discipline ginniche, ma è anche attrezzata per ospitare concerti, convegni ed eventi culturali. L’opera è stata realizzata con una spesa di circa 2.200.000 euro e recentemente sono stati eseguiti una serie di lavori per ripristinare il tetto da dove si erano verificate infiltrazioni di acqua piovana per un ammontare di 400.000 euro. L’impianto in merito all’utilizzo delle energie alternative è stato dotato di un impianto fotovoltaico che consentirà un risparmio energetico notevole per un complesso dove si svolgevano e si potranno svolgere anche in futuro notevoli attività sociali e culturali. Il 3 settembre 2001, in occasione del XIX° anniversario dell’eccidio del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa, della moglie Emanuela Setti Carraro e dell’agente della scorta Domenico Russo, il palazzetto dello sport fu intitolato allo stesso servitore dello Stato che ha donato la sua vita per affermare la legalità.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.