f Casteldaccia. Rischio di processo per Di Giacinto che dice: "sono sereno" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Rischio di processo per Di Giacinto che dice: “sono sereno”

martedì 10 maggio 2016, 15:07   Attualità  

Letture: 4.047

di giacintoLa notizia è stata diffusa dal sito Livesicilia.
L’ex sindaco di Casteldaccia Giovanni Di Giacinto avrebbe annullato senza motivo oltre quaranta cartelle dei cittadini di Casteldaccia.
Nell’articolo a firma Accursio Sabeblla, si sottolinea che l’accusa è del procuratore di Termini Imerse Francesco Gualtieri.
Il Procuratore, secondo Sabella,  ha chiesto il rinvio a giudizio per il parlamentare regionale.
Secondo l’accusa, Di Giacinto avrebbe agito “operando direttamente sul portale web di Equitalia”, facendo sparire debiti con l’erario che vanno da poche decine a migliaia di euro. Per questo motivo, il deputato capogruppo del Pse ed ex capogruppo del Megafono (eletto con la lista del presidente Crocetta) tra una settimana dovrà presentarsi di fronte al Giudice per le udienze preliminari Michele Guarnotta.
L’articolo continua dicendo che “Per il pm Gualtieri ci sono pochi dubbi. Di Giacinto, secondo il procuratore, “intenzionalmente procurava un ingiusto vantaggio patrimoniale in favore dei cittadini procedendo indebitamente all’annullamento (operando direttamente sul portale web di Equitalia ovvero adottando spcifici provvedimenti di sgravio) delle cartelle di pagamento, relative a somme dovute all’Ente locale a titolo di sanzioni amministrative pecuinarie, ovvero quali corrispettivi per l’Ici, per la Tarsi e per il servizio idrico comunale”. Insomma, le tasse che dovevano essere versate al Comune (parte offesa nel procedimento), scomparivano grazie all’intervento dell’allora sindaco che agiva, scrive sempre il pm, “in assenza di qualsiavoglia istruttoria amministrativa e di qualsiavoglia motivazione, in fatto e/o in diritto, che potesse giustificare gli sgravi”. Nessun motivo, insomma, giustificava l’annullamento di quelle cartelle. E comunque, anche qualora esistesse una motivazione, il sindaco sarebbe intervenuto “nell’esercizio di poteri spettanti agli organi ed uffici amministrativi del comune e non all’organo politico”.
E le cartelle che sarebbero state cancellate o “alleggerite” da Di Giacinto, elencate nella richiesta di rinvio a giudizio sono ben 44. La maggior parte di queste sono state iscritte a ruolo tra il 2008 e il 2010. Alcune però non entreranno comunque nel procedimento, qualora si andasse a processo, visto che nel frattempo è intervenuta la prescrizione. I dati sono stati raccolti grazie all’attività di indagine dei carabinieri di Casteldaccia.”
L’estesnore dell’articolo riporta anche una dichiarazione di Di Giacinto che si è dichiarato  molto sereno.
“Non sono stato io ad annullare quelle cartelle. Tra l’altro non ho mai avuto nemmeno un computer al Comune. Ho chiesto nei mesi scorsi – aggiunge – di portare avanti alcuni accertamenti: di capire, ad esempio, da quale pc si sarebbe collegata la persona che è entrata sul sito web di Equitalia. Ho chiesto anche di mostrare che in occasione di uno dei giorni ‘sospetti’ io in realtà ero in Assemblea regionale”.
A gravare su Di Giacinto, però, l’uso della password a lui intestata.
“Io -ricorda- ho solo richiesto la password a Equitalia, in quanto rappresentate legale dell’ente. Questa è stata però poi spedita gli uffici del Comune. E non ho idea di chi possa averla utilizzata”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.