f Claudio Caviglia nuovo assessore. "Bagheria non può essere brutta" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Claudio Caviglia nuovo assessore. “Bagheria non può essere brutta”

mercoledì 11 maggio 2016, 18:36   Attualità  

Letture: 2.803

assessore cavigliadi Martino Grasso

E’ stato presentato questo pomeriggio il nuovo assessore all’urbanistica di Bagheria.
Si tratta di Claudio Caviglia, 30 anni, ingegnere. Subentra a Luca Tripoli dimessosi 3 mesi fa a seguito del servizio delle televisivo delle Iene sull’abusivismo.
Alla presentazione c’erano oltre al sindaco Patrizio Cinque, anche l’assessore Alessandro Tomasello e il presidente del consiglio comunale Claudia Clemente e il segretario comunale Eugenio Alessi.  Il neo assessore non è un attivista del Movimento 5 stelle ma si è dichiarato un simpatizzante ai grillini. Ha aggiunto che svolge la libera professione da 5 anni. “La mia scelta è caduta su di lui -ha esordito il sindaco- perchè è una persona che conosco da tempo e sulla quale ripongo la mia fiducia”. Il neo assessore ha detto “Bagheria non può essere brutta. Voglio dare il mio contributo a sollevare le sorti di questa città. Proprio oggi è stato deturpato il murales in piazza Indipendenza. Dobbiamo lavorare sulla sostenibilità energetica, sulla mobilità, sul Prg e sull’abusivismo”.
E sul tema dell’abusivismo si è dilungato il sindaco Patrizio Cinque, anche a seguito delle recenti ordinanze di acquisizione al patrimonio comunale di alcune costruzioni totalmente abusive.
Il sindaco ha sottolineato che si procederà rispettando il diritto alla casa ma anche e soprattutto nel rispetto delle leggi. Per questo motivo, alcune costruzioni totalmente abusive, che in molti casi rappresentano le seconde o le terze case, saranno demolite, come del resto impone la Procura. L’idea è quella di dare possibilità a chi dimostra che la casa abusiva è l’unica in possesso, di rimanere nell’immobile, pagare un canone d’affitto agevolato (come per le case popolari) e con il tempo riscattarle.
“Non voglio fare come a Licata. Cercheremo di affrontare caso per caso. Comunque, non voglio passare per il sindaco che poteva rappresentare un cambiamento e non lo ha fatto. Certamente saranno demolite quelle case che sono state in mano ai mafiosi.”
Il sindaco ha quindi parlato di case costruite abusivamente in via Sofocle ma anche a Mongerbino dove a strapiombo c’è una costruzione con 8 appartamenti.
E lungo la costa, all’interno dei 150 metri, dove è in vigore l’insanabilità assoluta, ci sono numerose costruzioni che rischiano seriamente la demolizione.
Il primo cittadino ha anche parlato della casa abusiva dei sui genitori e di quella dell’ex assessore Tripoli.
“La mia casa ha avuto il silenzio assenso nel 2012 dalla Soprintendenza, mentre per quanto riguarda la casa dell’ex assessore Tripoli ha avviato le procedure per la porzione abusiva”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.