f Motociclista di 37 anni originario di Casteldaccia muore a Bergamo | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Motociclista di 37 anni originario di Casteldaccia muore a Bergamo

domenica 8 maggio 2016, 14:25   Cronaca  

Letture: 3.878

incidente bergamoUn uomo originario di Casteldaccia, Gregorio Guzzo, di 37 anni, residente a Ponte San Pietro, in provincia di Bergamo, è morto dopo uno schianto avvenuto stamane a Cisano Bergamasco, in località Bisone.
Erano circa le 9 quando in sella alla sua potente Moto Guzzi stava andando in direzione Lecco. Ad una cinquantina di metri scarsi dalla rotonda l’uomo ha deciso di superare l’autoarticolato che aveva davanti. Una manovra azzardata quindi sarebbe all’origine del tremendo incidente. Sulla corsia opposta appena fuori dal rondò, in direzione Bergamo, il motociclista si è improvvisamente trovato di fronte una Dacia Duster, guidata da Giorgio Pozzi, di Lecco. Fra i due mezzi c’è stato un lieve impatto, ma sufficiente per far perdere l’equilibrio all’uomo che ha perso il controllo della moto ed è caduto alla destra del mezzo. E’ stato quindi travolto dall’autoarticolato finendo sotto alle ruote posteriori della motrice e quindi trascinato per diverse decine di metri. Straziante la scena che si è presentata ai soccorritori.
Un’automedica e l’elisoccorso sono arrivato sul posto molto rapidamente, ma per Gregorio Guzzo non c’era davvero più nulla da fare. Sotto chock i conducenti della Duster e del mezzo pesante, un uomo di Sondalo. Guzzo lascia nella disperazione la moglie, che è in attesa del primo figlio. La donna in questi giorni è in Sicilia dai parenti ed è stata avvisata telefonicamente della tragedia Pesanti le ripercussioni sul traffico. La statale è stata riaperta solo due ore e mezza dopo l’incidente, intorno alle 11,30. (www.ecodibergamo.it)

foto tratta da bergamo.corriere.it

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.