f Bagheria. Confermato il licenziamento da parte del giudice di Vincenza Guttuso | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Confermato il licenziamento da parte del giudice di Vincenza Guttuso

giovedì 30 giugno 2016, 13:16   Attualità  

Letture: 1.937

comune-guttusoIl Comune di Bagheria ha vinto la causa contro l’ex dirigente delle risorse umane Vincenza Guttuso.
L’ex dirigente era passata dall’Opera  Pia Istituto Santa Lucia al Comune di Bagheria, passaggio che l’attuale amministrazione aveva ritenuto essere viziato.
Con sentenza, di primo grado del 29 giugno 2016 il giudice del Lavoro Chiara Gagliano si è espressa definitivamente sulla causa di lavoro riguardante il controverso passaggio dall’Opera dell’ex dirigente delle Risorse Umane.
Il Comune esce vincitore da questo giudizio e,  al contempo,  garantisce anche la ricorrente “con il ripristino del rapporto di lavoro alle dipendenze della Opera Pia Santa Lucia con inquadramento nell’ex VIII qualifica funzionale a decorrere dal 7 settembre 2015 e con diritto al risarcimento del danno in misura pari alle retribuzioni maturate con decorrenza dal 21 settembre 2015”.
Dunque l’Opera Pia Istituto Santa Lucia è stata condannata al ripristino del rapporto di lavoro della ricorrente con inquadramento nell’ex VIII qualifica funzionale e al risarcimento del danno in misura pari alle retribuzioni maturate.
Il Comune era difeso dall’avvocato Massimiliano Marinelli, ordinario di diritto del Lavoro dell’università di Palermo. Il legale ha dimostrato che l’assunzione presso il comune di Bagheria è avvenuta in violazione dell’articolo 28 del decreto legislativo che allora imponeva l’accesso alla categoria dirigenziale mediante concorso pubblico e con il requisito del titolo accademico della laurea.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.