f Il pescatore flavese Cosimo D'Amato condannato a 30 anni per la strage di Capaci | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Il pescatore flavese Cosimo D’Amato condannato a 30 anni per la strage di Capaci

giovedì 9 giugno 2016, 07:58   Cronaca  

Letture: 4.007

capaci d'amatoLa Corte d’assise d’appello di Caltanissetta ha confermato l’ergastolo per Giuseppe Barranca e Cristofaro “Fifetto” Cannella e la pena di 30 anni per il pentito Cosimo D’Amato, ritenuti responsabili di avere procurato l’esplosivo utilizzato per la strage di Capaci del 23 maggio ’92. Nella strage morirono Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti di scorta Antonio Montinaro, Rocco Di Cillo e Vito Schifani. Per Barranca e Cannella i pg Sergio Lari, Fabio D’Anna e Antonino Patti avevano chiesto la conferma del carcere a vita, mentre per D’Amato era stato chiesto di ridurre la pena a 9 anni e 6 mesi visto il contributo dato alla ricostruzione dei fatti con la sua collaborazione, iniziata prima dell’avvio del processo di secondo grado.
Ma su questo punto la Corte ha solo concesso le attenuanti generiche a D’Amato, senza però modificare la pena inflitta dal gup David Salvucci al termine del processo di primo grado.
I tre imputati avevano scelto il rito abbreviato. I giudici hanno respinto una questione di legittimità costituzionale avanzata dal legale di Cannella, l’avvocato Giuseppe Dacquì, il quale aveva sostenuto che la pena massima da applicare per chi sceglie il giudizio abbreviato è di 30 anni, in base alla legge in vigore fino al momento in cui era iniziato il processo. (gds.it)

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.