f Bagheria. Patrizio Cinque: "lunedì gli autocompattari alla Regione" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Patrizio Cinque: “lunedì gli autocompattari alla Regione”

sabato 9 luglio 2016, 17:45   Attualità  

Letture: 1.954

autocompattatori regioneIl sindaco di Bagheria, Patrizio Cinque, preannuncia, attraverso il social network Facebook, che lunedì mattina, porterà gli autocompattatori  pieni di spazzatura davanti a palazzo D’Orlenas, sede della Regione, a Palermo.
Il sindaco ha anche invitato gli altri sindaci a fare lo stesso.
il sindaco scrive: “la Sicilia è per l’ennesima volta in emergenza rifiuti.
A pagare le conseguenze di questa emergenza sono i sindaci e i cittadini siciliani, i quali sono costretti a vedere la propria città sommersa dai rifiuti nonostante gli sforzi fatti.
Città sommerse dai rifiuti; aumento dei costi (per risolvere l’emergenza continua); autocompattatori costretti a fare 600 km di viaggio per conferire i rifiuti in discarica; cancelli delle discariche chiusi per discariche sature; impianto di biostabilizzazione di Bellolampo, realizzato con soldi pubblici, ancora non operativo al 100%; la discarica di Catania ogni giorno lascia fuori dai cancelli molti autocompattatori (sabato 170 riasti fuori dai cancelli) e domenica rimarrà chiuso. Queste e tante altre sono le angherie che i cittadini siciliani sono costretti a sopportare ogni giorno.
E’ arrivato il momento per i Comuni di alzare la testa e protestare per difendere i cittadini siciliani dalle risposte inadeguate che arrivano dalla politica regionale.
Ogni sindaco è invitato a disporre davanti Palazzo d’Orleans un autocompattatore in segno di protesta.
La protesta finirà non appena avremo una soluzione concreta al disastro che sta avvenendo e che peggiorerà nei prossimi giorni.”

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.