f Bagheria. Una ragazza salva un cucciolo di pitbull che vagava sulla 113 | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Una ragazza salva un cucciolo di pitbull che vagava sulla 113

sabato 13 agosto 2016, 09:59   Attualità  

Letture: 3.486

pitbull fotodi Martino Grasso

Una storia a lieto fine con protagonista un cucciolo di pitbull, nero, di appena un anno. L’animale è stato salvato da una giovane ragazza di Bagheria, mentre camminava smarrito fra automobili che potevano investirlo. E’ avvenuto nei giorni scorsi lungo la strada statale 113.
La ragazza, Claudia Urzì, era appena tornata da una passeggiata mattutina quando si è resa conto della presenza dell’animale, che aveva al collo una grossa catena al collo.
Non ci ha pensato due volte, si è fermata e si è presa cura del cane. L’animale è stato poi affidato all’Asva anche grazie ai carabinieri.
“Vagava senza meta -racconta la ragazza-, camminava tra le automobili distratte e spericolate. Assetato, impaurito. Assordanti clacson iniziavano a rompere quella pace; una ragazza di fronte. Ci siamo guardate, ci siamo capite.  Il cucciolo di pitbull di circa un anno, con il suo manto nero e i suoi simpatici e malinconici occhi che parlavano di lui, si avvicinava sempre più verso di noi; quella grossa catena al collo lo teneva chino, appesantito, stanco, gli conferiva al volto tutto ciò da cui presumibilmente era scappato via; tenendolo vicino gli abbiamo offerto dell’acqua, del cibo, un po’ di ristoro, una carezza per rassicurarlo; io e Barbara, la ragazza di fronte a me, incontrata per caso, abbiamo iniziato a telefonare, a chiederci chi avrebbe potuto adottare il giovane pitbull pieno di speranza, scodinzolante e grato al nostro fianco.”
Le ragazze hanno allertato i carabinieri che subito dopo sono arrivati sul posto.
Due militari  hanno allertato i volontari dell’Asva di Bagheria che sono arrivati, prendendosi cura dell’animale.
Non è escluso che il cucciolo di pitbull sia scappato da qualche luogo in cui vengono addestrati per i combattimenti illegali.
“Nonostante il piccolo amico sia ormai salvo da qualsiasi pericolo di strada -continua a raccontare Claudia- , rimane tristezza e sgomento di fronte all’idea di quanti poveri animali siano ancora oggi maltrattati, istigati alla violenza, tenuti in condizioni terribili e mortificanti, di fronte all’indifferenza di istituzioni e cittadini svuotati da doveri di partecipazione diretta al miglioramento della propria realtà. Da piccoli ci insegnavano a venerare eroi, ad idolatrare individui, ci insegnavano a scaricare implicitamente responsabilità sull’altro, a sentirci esenti da qualsiasi forma di gratuito contributo. L’umanità non ha bisogno di eroi, ognuno di noi è responsabile di un piccolo pezzetto di felicità per l’altro in questo mondo, che sia un barbone per strada, un cane senz’acqua, un gattino senza mamma, un immigrato sbarcato in Sicilia, un anziano signore di ottant’anni che ha bisogno di un sorriso. Questo è il mio modesto parere e ve lo comunico con la speranza nel cuore di essere protagonista di quel pezzetto di gioia regalata al giovane amico a quattro zampe.”

 

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.