f Santa Flavia. Chiude il Solunto Art Fest con "Aspettando Antigone" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Santa Flavia. Chiude
il Solunto Art Fest
con “Aspettando Antigone”

sabato 6 agosto 2016, 11:04   Cultura  

Letture: 1.648

antigone“Aspettando Antigone” chiuderà domenica 7 agosto alle ore 18.45 nell’Agorà dell’antica città di Solunto, a Santa Flavia, la seconda edizione del “Solunto Art Festival” diretto da Giuseppe Di Franco ed organizzato in collaborazione con Antenna Europe Direct, la Fondazione Filangeri e con il patrocinio del Comune di Santa Flavia e la partecipazione del Parco Archeologico.
Il vincitore del Premio Cendic Segesta 2015, “Aspettando Antigone”, di Claudio Zappalà, regia di Mauro Avogadro, è un testo originale: l’autore è stato capace di scrivere una storia reinventando il mito e introducendolo all’interno di un immaginario contemporaneo. Gli interpreti sono Dario Battaglia, Vladimir Randazzo, Nicasio Catanese e Ivan Graziano.
Il linguaggio è asciutto, ironico. Le quattro guardie protagoniste sono ricche di un’umanità molto poco “eroica” e per questo è semplice e immediata la nostra empatia con loro: ci somigliano nelle pigrizie, nelle vigliaccherie e nelle paure, nel desiderio di una semplice vita tranquilla.I personaggi delle guardie ricordano Beckett: Beckett è chiaramente nel titolo e tutta l’opera lo tiene ben presente. Tutto in essa è estremo, ferocemente contrastato. Il posto è un posto fuori da tutto, svuotato (vi campeggiano solo un piccolo colle e un albero), pieno di luce e di caldo e poi di silenzio. Questi quattro uomini, che nella tragedia di Sofocle non meritavano di esser visti, a loro modo e per quel che possono, con coraggio quasi eroico, vorrebbero capire in che gioco sono finiti, che decisione è giusto prendere. La vita è una roba difficile da decifrare.

Poetici e commoventi, ci dimostrano come i grandi testi di teatro di ogni epoca offrano materia preziosa e possibilità sempre nuove e fertili per essere riscritti, riletti e parlare ancora di noi.

Lo spettacolo è una produzione CTM (Centro Teatrale Meridionale) diretto da Domenico Pantano.

 

L’ingresso è gratuito. Gli spettatori verranno accompagnati al sito archeologico da apposite navette che partiranno da via G. Falcone (in prossimità della via che conduce a Solunto).

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.