f Bagheria. Sconti di pena per i collaboratori di giustizia Lo Piparo e Morsicato | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Sconti di pena per i collaboratori di giustizia Lo Piparo e Morsicato

sabato 17 settembre 2016, 09:32   Cronaca  

Letture: 2.369

lo-piparo-morsicatoGrazie allo status di collaboratori di giustizia hanno ottenuto sostanziosi sconti di pena. Sono due collaboratori di giustizia di Bagheria, Salvatore Lo Piparo e Benito Moriscato, entrambi hanno ammesso di fare parte di Cosa Nostra e si sono autoaccusati di estorsioni.
Salvatore Lo Piparo dovrà scontare una pena di 3 anni e Benito Morsicato di 1 anno, nove mesi e 10 giorni.
Entrambi hanno avuto una riduzione di 8 mesi sulla pena iniziale.
Il processo si celebra con oil rito abbreviato e si è chiuso adesso alla terza sezione della Corte d’appello di Palermo, presieduta da Raffaele Malizia a latere Daniela Troja e il relatore Mario Conte. Sia Lo Pipoaro che Morsicato erano stati indagati nell’ambito del processo Reset, in cui finirono arrestati capi e gregari della cosca di Bagheria. I due collaboratori sono difesi dagli avvocati Monica Genovese e Gloria Lupo.
Entrambi hanno confessato una serie di estorsioni ai danni di commercianti locali.
Agivano a Bagheria ma anche nei paesi limitrofi come Santa Flavija, Ficarazzi e Altavilla Milicia.
La Corte d’appello ha anche confermato il risarcimento a favore del Comune di Bagheria e di alcuni imprenditori vittime delle estorsioni che si sono costituiti parte civile.
Lo Piparo ha ammesso di essere autore di 8 estorsioni aggravate. Morsicato invece aveva chiesto il pizzo e aveva compiuto alcuni danneggiamenti contro imprenditori e commercianti che non volevano pagare la cosca mafiosa.
lla fine 36 commercianti decisero di ammettere le estorsioni e hanno collaborato con la Giustizia.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.