f Bagheria. Il consiglio comunale ha approvato il bilancio di riequilibrio | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Il consiglio comunale ha approvato il bilancio di riequilibrio

venerdì 23 settembre 2016, 07:52   Attualità  

Letture: 1.372

cons-comdi Martino Grasso

Il consiglio comunale ha approvato il bilancio stabilmente riequlibrato 2013-2014.
Il punto all’ordine del giorno è passato grazie ai voti favorevoli di tutti i 16 consiglieri comunali del movimento 5 stelle e il voto negativo dei 4 consiglieri comunali di opposizione presenti in aula al momento del voto (Maddalena Vella, Massimo Cirano, Filippo Tripoli e Angelo Barone).
La seduta si è conclusa relativamente presto, con una durata di meno di 4 ore di dibattito. Soddisfatta per il risultato conseguito l’assessore al bilancio Maria Laura Maggiore. “Dopo le polemiche e le insinuazioni sulla bontà dello strumento contabile è stato  finalmente approvato ed è definitivo. Il mio plauso va al gruppo consiliare che ha approvato un bilancio che non era relativo per la gran parte alla nostra gestione. Un grazie doveroso lo devo agli uffici e nello specifico al ragioniere Liborio Raspanti, validissimo supporto per l’Ente e al dirigente Costantino Di Salvo. Il nostro lavoro non si ferma qua. Adesso dovremmo approvare gli altri documenti contabili e metterci in linea con gli altri comuni siciliani. E’ utile sottolineare come col Bilancio il Ministero ha approvato le manovre finanziarie dell’Ente che abbiamo adottato ritenute idonee a superare la fase di deficitarietà strutturale dell’Ente e consolidare la situazione finanziaria pagando i debiti ereditati. Solo col proficuo lavoro di collaborazione con gli Uffici del Ministero si potevano centrare e dimostrare con fatti con attuando certe misure si possa fuoriuscire dal dissesto”.
Negativo il parere espresso dal gruppo di minoranza che critica l’operato della maggioranza di non essere aperta al dialogo.
Per Angelo Barone: “penso che sia quasi sempre la stessa storia, la minoranza che tenta di spiegare qualcosa che non va negli atti e cerca di far “correggere” in modo tale da uscire con un documento quanto più possibile condiviso. Ma, ad oggi, non riesco a capire questa diffidenza se così si può chiamare, o questa ostinazione nel dare per giusto tutto ciò che fanno con proclami, a mio parere fuori luogo.
Sta di fatto che è molto difficile confrontarsi con chi è pieno di sé”.

foto d’archivio

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.