f Casteldaccia. Spatafora: "ottenuti 6,5 milioni di euro dal Patto per la Sicilia" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Casteldaccia. Spatafora: “ottenuti 6,5 milioni di euro dal Patto per la Sicilia”

venerdì 23 settembre 2016, 16:16   Politica  

Letture: 1.756

spatafora-nuovo“Grazie alla determinazione della mia amministrazione Casteldaccia ha ottenuto, nell’ambito del Patto per la Sicilia, un finanziamento di ben 6.450.000,00 euro per la realizzazione di interventi di recupero e regimentazione del ‘Torrente Perriera’, al fine di risolvere il problema delle esondazioni in via Pietro Nenni e mettere in sicurezza gli edifici posti lungo l’asse del vallone”.
Lo dichiara il sindaco del Comune di Casteldaccia, Fabio Spatafora.
“Sin dal nostro insediamento – aggiunge – abbiamo lavorato per risolvere un problema ormai diventato cronico e che si trascina da tempo. Non possiamo più andare avanti con delle soluzioni tampone. Si tratta di un progetto a cui bisognava dare la massima priorità, visto che il rischio idrogeologico interessa il centro urbano e la sua viabilità, poiché interseca la circonvallazione e la zona in cui potrebbe sorgere l’area artigianale ed industriale”.
“Un ringraziamento – conclude il primo cittadino di Casteldaccia – va agli uffici dell’Assessorato regionale Territorio e Ambiente, con i quali mi sono più volte interfacciato, e al dirigente dell’Ufficio tecnico architetto De Nembo”.
Lo stesso De Nembo ha manifestato la propria soddisfazione per l’inserimento del progetto nella graduatoria stabilità dal Patto per la Sicilia: “dopo 15 anni nei quali abbiamo fatto di tutto per trovare le risorse necessarie, siamo riusciti a ottenere il finanziamento. Mi auguro che l’iter per lo stanziamento e l’impegno delle somme possa concludersi in tempi brevi in modo da realizzare i lavori al più presto”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.