f Bagheria. Cgil: "illegittime le procedure di assunzione del personale per i rifiuti" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Cgil: “illegittime le procedure di assunzione del personale per i rifiuti”

lunedì 24 ottobre 2016, 14:31   Attualità  

Letture: 1.795


cgilFrancesco Cerami
della FP Cgil, con un comunicato, interviene sulla delibera del Comune di Bagheria in riferimento alle assunzioni per il servizio di igiene ambientale cittadino.
“Riteniamo che le procedure descritte siano illegittime e lesive per i lavoratori della dotazione organica della SRR, perché la procedura non è conforme all’attuale legislazione e non garantisce priorità ai suddetti aventi diritto.
Il comune di Bagheria gestisce direttamente, a nostro avviso illegittimamente, il servizio di igiene ambientale,non avendo neanche la cura di rispettare il proprio piano Aro approvato dalla regione. A tal fine il suddetto Comune, utilizza in “comando” il personale del Coinres di cui è socio, e pur potendo avere una quantità maggiore di personale sul proprio centro di costo ,con una semplice richiesta , mostra l’intenzione di procedere ad assunzioni esterne, in maniera del tutto “indipendente” non tenendo conto della legge regionale 9 /2010, l’accordo quadro 6 agosto 2013 e le numerose linee guida e circolari regionali emesse a riguardo. Questo atteggiamento è particolarmente lesivo delle prerogative del gruppo degli ex dipendenti del Coinres , attualmente disoccupati, che sono regolarmente inseriti nell’attuale dotazione organica della SRR di competenza e quindi nella disponibilità.  Non si comprende inoltre il comportamento dell’amministrazione Bagherese, che dimostra nei suoi atti amministrativi, aventi temi riguardanti “il lavoro e i lavoratori”,di non tenere in nessun conto il ruolo delle Parti Sociali, mantenendo così un comportamento “distaccato” quasi da “obiettore di coscienza”, anche rispetto ad ogni norma direttiva e accordo regionale. Auspichiamo in merito a quanto esposto ,un intervento urgente da parte della Società Regionale di regolamentazione, e degli assessorati alle Attività Produttive acqua e rifiuti e agli Enti locali”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.