f Palermo. L'Age sulla giornata in memoria delle vittime dell'immigrazione | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Palermo. L’Age sulla giornata in memoria delle vittime dell’immigrazione

domenica 2 ottobre 2016, 11:25   Attualità  

Letture: 1.026

migrantiLa Repubblica riconosce il giorno 3 ottobre Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’immigrazione, per ricordare chi “ha perso la vita nel tentativo di emigrare verso il nostro paese per sfuggire alle guerre, alle persecuzioni e alla miseria”. Recita così l’articolo 1 della legge 21 marzo 2016, n. 45 che istituisce la ricorrenza.
In occasione della giornata nazionale, L’associazione genitori organizza, presso il Teatro  della succursale  del Liceo Classico Statale Umberto I°,  in  Viale Regione Siciliana, di concerto con l’Amministrazione Comunale di Palermo,  un incontro per sensibilizzare l’opinione pubblica alla solidarietà civile, al rispetto della dignità umana e del valore della vita, all’integrazione e all’accoglienza.
Parteciperanno l’avvocato Giuseppe Russo; Presidente Reg.le AGE-Associazione Italiana Genitori, Il professore Vito Loscrudato;  dirigente Scolastico del Liceo,   Leoluca Orlando; Sindaco della Città Metropolitana di Palermo, monsignor Corrado Lorefice; Arcivescovo della Diocesi di Palermo, Mons. Michele Pennisi; Arivescovo della Diocesi di Monreale – Responsabile della Pastorale della Scuola per la CESI e Marco Anello; dirigente MIUR Ambito Territoriale di Palermo. Una giornata per la memoria che riveste un forte valore   simbolico ed educativo per avvicinare la società  al mondo dei migranti e alla cultura dell’accoglienza, a sostegno dei valori  della  pace e della fratellanza, contro ogni forma di egoismo,  di intolleranza di violenza o di razzismo.
Per una riflessione sul tema,  significative appaiono le parole e le esortazioni di Papa Francesco “Ognuno di noi può essere un ponte che unisce popoli lontani, che rende possibile l’incontro tra culture e religioni diverse, una via per riscoprire la nostra comune umanità”, “Chi è fuggito dalla propria terra a causa dell’oppressione, della guerra, di una natura sfigurata dall’inquinamento e dalla desertificazione, o dell’ingiusta distribuzione delle risorse del pianeta, è un fratello con cui dividere il pane, la casa, la vita”.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.