f Il giudice Nino Di Matteo ha deciso di restare a Palermo malgrado le minacce | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Il giudice Nino Di Matteo ha deciso di restare a Palermo malgrado le minacce

martedì 8 novembre 2016, 09:36   Attualità  

Letture: 1.332

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 17-03-2014 Roma Politica Commissione Antimafia - Audizione dei magistrati della Procura di Palermo Nella foto Nino Di Matteo (sost. proc. Palermo) Photo Roberto Monaldo / LaPresse 17-03-2014 Rome (Italy) Anti-Mafia Commission - Hearing of the magistrates in the Palermo prosecutor's office In the photo Nino Di Matteo

Il giudice Nino Di Matteo ha deciso di restare a Palermo.
Il pubblico ministero che si è occupato di numerosi processi fra cui la famosa trattativa fra Stato e Mafia ma anche della mafia bagherese, ha deciso di non ha accettare la proposta del consiglio superiore della magistratura di essere trasferito in via d’urgenza, per motivi di sicurezza, a Roma, alla direzione nazionale antimafia.
Due settimane fa un’intercettazione aveva rivelato che sono ancora alte le attenzioni dei boss nei confronti del magistrato palermitano. “Accettare un trasferimento d’ufficio connesso esclusivamente a ragioni di sicurezza sarebbe stato un segnale di resa personale e istituzionale che non intendo dare -ha detto Di Matteo- La mia aspirazione professionale di continuare a lavorare sulla criminalità organizzata trasferendomi alla Dna si realizzerà eventualmente solo se e quando sarò nominato in esito a una ordinaria procedura concorsuale”.
“Quella di Di Matteo è una situazione che ci dà molta preoccupazione -ha sottolineato Elisabetta Alberti Casellati, presidente della Terza commissione che ha ascoltato il pm- E’ per questo che lo abbiamo ascoltato due volte in venti giorni, perchè riflettesse su questa pericolosità alta. Anche oggi abbiamo manifestato la nostra forte e unanime preoccupazione. Ma la sua risposta è di indisponibilità al trasferimento per ragioni di sicurezza perchè sembrerebbe un segnale di resa che non vuole dare”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.