f Sarebbe la bagherese Claudia La Rocca a squarciare un velo sulle firme false | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Sarebbe la bagherese Claudia La Rocca a squarciare un velo sulle firme false

domenica 13 novembre 2016, 21:16   Politica  

Letture: 2.637

claudia-la-rocca
Sarebbe la deputata Claudia La Rocca, residente a Bagheria, la teste che avrebbe iniziato a collaborare con la Procura di Palermo, in merito alle firme false, per la presentazione della lista del movimento 5 stelle alle elezioni amministrative di Palermo.
A renderlo noto è il quotidiano La Repubblica con un articolo a firma Emanuele Lauria. Ma anche l’agenzia Ansa rilancia la notizia.
Secondo il quotidiano la deputata regionale M5S, ha deciso “nei giorni scorsi di dire ai magistrati tutto quel che sa. E lo ha fatto confessando di avere partecipato alla contraffazione delle sottoscrizioni. In primis, dunque, autoaccusandosi. Lo ha fatto per rispondere a quell’appello di Grillo (“Chi sa, parli”) che invece altri, nel Movimento, non avrebbero rispettato.
La Rocca, con la sua deposizione, ha voluto sottolineare quello che dice il leader, pubblicamente e no: il fatto in sé, la falsificazione o, meglio, la ricopiatura delle firme utili per la presentazione delle liste alle amministrative del 2012 non è un reato grave ma una sciocchezza.”
Pare che ci sia un altro attivista che ha già cominciato a collaborare e mentre si attende che alcuni dei protagonisti di questa vicenda siano sentiti dai pm di Palermo.
Su Facebook, sono fioccati alcuni commenti sulla vicenda.
L’attivista Vincenzo Calarca, commenta: “Gesto di straordinaria responsabilità”. Per Dario Favatella: “donna con le palle. Massimo rispetto per Claudia”.
Santi Ventura: “Claudia, non sei una pentita ma un esempio, brava”.
Critico Antonello Ciccarello: “il fatto che le firme siano state ricopiate (anche se in sé può essere considerato come una sciocchezza) è comunque un reato. Come ha detto Grillo, è grave il fatto che si sia fatto finta di niente e che, a oggi, gli attivisti e i parlamentari coinvolti neghino il fatto anche di fronte a prove schiaccianti”. “Confessione quanto meno tardiva”, dice invece Loredana Di Maria.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.