f Bagheria.In migliaia per la riapertura del museo Guttuso a villa Cattolica (foto) | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria.In migliaia per la riapertura del museo Guttuso a villa Cattolica (foto)

lunedì 26 dicembre 2016, 20:35   Cultura  

Letture: 13.459

museo-2C’erano Giuseppe Tornatore, Pif, Francesco Scianna, e ancora il sindaco di Palermo Leoluca Orlando, il presidnete dell’Ars Ardizzone, il pittore Pippo Madè e altri, tantitissimi uomini di cultura.

Ma c’erano anche tantissimi bagheresi arrivati per assistere alla riaperutra del museo Guttuso, dopo un anno e mezzo dalla chiusura.
Il taglio del nastro si è registrato alle 17,30 con il sindaco Patrizio Cinque, Fabio Carapezza Guttuso e la curatrice della mostra Dora Favatella Lo Cascio. Sono poi iniziati alcuni giochi pirotecnici sulle note di Baarìa.
Ha preso il via un video sulla facciata principale, con giochi di luci e la voce in sottofondo di Guttuso.
Il sindaco Patrizio cinque ha ringraziato tutti coloro i quali hanno consentito che l’evento si realzizasse fra maestranze, dipendenti del Comune e professionisti.
“E’ la cvultura che deve guidare il futuro -ha detto- Ringrazio tutti anche coloro che non credevano che questo potesse essere possibile. Andiamo avanti nel segno della cultura”.
museo-1Particoalarmente attesa la presenza del regista Giuseppe Tornatore che di Guttuso fu amico, estimatore e narratore. Tornatore ha curato il documentario del 1982 sul pittore.
Il regista ha detto: “Ero un ragazzo  quando nel 1973 questo museo raccolse la prima donazione di Guttuso. Ora è diventato un sito di grande importanza. Non potevo mancare”.
La riapertura del museo è diventata così un’occasione per riunire tanti nomi. C’era anche Pif che si schermiva ammettendo che, in fondo, in questo luogo lui “c’entra poco”. Il nuovo allestimento propone 1500 opere (molte sono quelle di artisti amici di Guttuso), curato da Dora Favatella Lo Cascio già direttrice del museo.
Oltre alle opere pittoriche e alle sculture, il museo presenta varie sezioni tra cui quella fotografica e quella dedicata al carretto siciliano ma anche uno spazio per l’ultima donazione: una ventina di quadri e sculture di Giusto Sucato, un artista siciliano scomparso quattro mesi fa.
La serata dedicata a Guttuso era cominciata con un omaggio al mausoleo dell’artista opera di Giacomo Manzù mentre il coro “Laudate Dominum” arieggiava “Va’ pensiero”.
Oltre al restauro della Villa è stato rivisitato anche l’allestimento delle 1500 opere. Molte sono quelle di artisti amici di Guttuso come Pippo Rizzo, Lia Pasqualino Noto, Carlo Levi, Alberto Ziveri, Augusto Perez, Antonietta Raphael Mafai, Corrado Cagli, Carla Accardi, Antonio Sanfilippo, Angelo Savelli, Salvatore Scarpitta, Edouard Pignon, Sergio Vacchi, Armando De Stefano, Mario Schifano, Franco Angeli e Tano Festa.

museo-3

 

 

 

 

 

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.