f Veniva smistata ad Aspra la droga da uno degli arrestati dai carabinieri | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Veniva smistata ad Aspra la droga da uno degli arrestati dai carabinieri

venerdì 2 dicembre 2016, 11:26   Cronaca  

Letture: 3.540

carabinieri-e-cracoliciAbitava a Bagheria uno degli arrestati dell’operazione che ieri ha poortato alla cattura di 7 persone accusate di traffico di droga.
Si tratta di Matteo Cracolici considerato l’uomo chiave del gruppo di palermitani. E secondo il resoconto dei carabinieri la la base di appoggio di Cracolici era una villetta all’interno di un residence in via Perez, nella frazione marinara di Aspra, come emerge dalle intercettazioni che riguardano anche gli altri palermitani arrestati, Francesco Failla e Antonino Marino. L’8 marzo 2015 i carabinieri del Nucleo investigativo monitorano “l’acchianata”, il primo viaggio di Cracolici in Campania a bordo della sua Tiguan. Ad attenderlo c’era un grossista napoletano, indicato per nome e cognome, “Francesco Greco”.
Forte anche dei suoi legami con esponenti mafiosi – su tutti Nicola Milano e Tommaso Di Giovanni, un tempo reggenti del mandamento di Porta Nuova – avrebbe attivato l’asse della droga fra Napoli e Palermo. Era lui a gestire i contatti con i grossisti campani, a raccogliere i soldi per comprare hashish e cocaina, a fare giungere gli stupefacenti in Sicilia e infine a smerciarli.
Già nel 2008 il pentito di Brancaccio, Andrea Bonaccorso, parlò dei traffici di droga di Cracolici assieme ai boss di Villabate. Un collaboratore di giustizia più recente, Salvatore Sollima del clan di Bagheria, l’anno scorso ha riferito che Cracolici “si metteva sempre a disposizione per scendere qualcosa da Napoli o Milano”. Cracolici e Marino parlavano di una partita di hashsih “un poco secco”, e per il quale “al Michelangelo… lo hanno messo di lato e mi vogliono dare a 1.600 con i soldi 1.950 a cridenza”. In un’altra conversazione Cracolici faceva il punto della raccolta dei soldi per compare la droga con un uomo non identificato: “… vedi che non può essere questo discorso che fino all’ultimo giorno non so che fine fanno… qua appena a questo non gli porti fino all’ultimo centesimo, già me l’ha detto, te te ne vai vuoto”.
Si parlava di migliaia di euro: “… diciassette me li ha portati sabato e sabato mi porta altri diciassette u picciriddu (sarebbe il soprannome di Failla, ndr) … e poi manchi tu e basta”. Il 22 marzo Cracolici mostrava segnali di paura: “… dico se mi fermano qua mi fanno la festa mi smontano tutto”. Il 28 marzo le cimici registrarono il suo arrivo a Napoli e la consegna “al chiattone” di “trentamila euro”.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.