f Ficarazzi. Arrestato un 36enne che ha picchiato la moglie a san Valentino | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Ficarazzi. Arrestato un 36enne che ha picchiato la moglie a san Valentino

giovedì 16 febbraio 2017, 10:52   Cronaca  

Letture: 7.149

picchia-moglieHa picchiato la giovane moglie nel giorno di san Valentino, ma per lui si sono aperte le porte del carcere.
L’episodio è avvenuto a Ficarazzi dove una donna di 35 anni è stata brutalmente malmenata dal convivente.
La violenza fisica, sembrerebbe non un episodio inedito nel menage familiare della coppia, è avvenuta al culmine dell’ennesimo litigio che aveva spinto la donna, terrorizzata dall’idea di essere percossa, a fuggire, addirittura scalza, dal domicilio per trovare rifugio in un esercizio commerciale limitrofo.
Quando la donna ha fatto ritorno a casa la rabbia del marito non si era stemperata e l’incubo delle percosse si è purtroppo materializzato.
I poliziotti del Commissariato di Bagheria, allertati dai vicini, sono giunti in corso di aggressione ed hanno evitato il peggio, sottraendo la vittima alla furia dell’uomo.
La donna, condotta presso una struttura ospedaliera dove è rimasta tutta la notte in osservazione, se l’è cavata con numerose escoriazioni e tanta paura.
La paura non le ha, però, impedito di denunciare i numerosi episodio di violenza in precedenza taciuti.
Il 36enne è stato tratto in arresto ed il provvedimento è stato convalidato dall’Autorità Giudiziaria.
L’intervento degli agenti, quasi a chiudere un cerchio immaginario, è giunto nel giorno di San Valentino, il giorno dedicato all’amore ed alle relazioni basate sull’affetto incondizionato e scevro da violenze di genere.
Una giornata nella quale la Polizia di Stato, a Palermo come in molte altre città d’Italia, ha voluto ribadire il suo impegno contro la violenza sulle donne scendendo in piazza con il camper del progetto “…questo non è amore”, promuovendo incontri e mettendo a disposizione equipe di psicologi, medici, rappresentanti di centri antiviolenza e poliziotti specializzati.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.