f Porticello. Salita troppo ripida. Una bambina di 10 anni con carrozzina torna a casa dalla gita | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Porticello. Salita troppo ripida. Una bambina
di 10 anni con carrozzina torna a casa dalla gita

martedì 9 maggio 2017, 15:02   Attualità  

Letture: 16.766

carrozzina-bambinadi Martino Grasso

Va in gita a Piazza Armerina ma è costretta a tornare indietro.
Protagonista di questa storia è Anita, una bambina di 10 anni, che frequenta la 5° elementare di Porticello.
Anita è una bambina normale, con un viso bellissimo. Capelli castani e occhi attenti. Ha i sogni e le speranze dei suoi coetanei.
Fatta eccezione per un piccolo particolare: la sua vita si svolge in una carrozzina.
Per ieri mattina la sua classe aveva programmato una gita a Piazza Armerina, per vedere di mattina un parco culturale e di pomeriggio  la villa del Casale.
I suoi genitori, Rosalia e Giuseppe, l’hanno accompagnata con la loro macchina perché l’autobus non era attrezzato. Ma appena arrivati hanno trovato una salita impervia e Anita non poteva accedere a causa della carrozzina elettrica.
I genitori hanno chiesto spiegazioni. Qualcuno ha farfugliato qualche scusa, altri hanno allargato le braccia. E così mentre gli altri compagni hanno seguito il percorso Anita e i genitori sono rimasti fermi, sotto un albero.
Hanno deciso di fare ritorno verso casa. E nello stesso tempo di raccontare questa ennesima umiliazione.
“La direttrice scolastica ci ha chiesto scusa -racconta la mamma- non sapevano della presenza di queste barriere. Qualche anno fa abbiamo lamentato l’inadeguatezza del bagno e solo dopo tanto tempo è stato adeguato. Non vogliamo accusare nessuno ma questa situazione è inaccettabile.”

Dal parco culturale di piazza Armerina fanno sapere che l’inconveniente è sorto per la pesantezza della carrozzina elettrica: “quel giorno abbiamo avuto 10 disabili e non ci sono stati problemi. La carrozzina della bambina in questione era troppo pesante. Il parco è vicino ad una zona archeologica e non si possono creare scivoli. Ci dispiace per quello che è accaduto. Noi lavoriamo con i bambini e fra loro ci sono spesso disabili e non sono mai nati problemi”.
Sull’argomento interviene la direttrice della scuola di Porticello frequentata dalla bambina, Francesca Puleo: “siamo vicini alla famiglia. Ci era stato detto che al parco non ci sarebbero state difficoltà. Nella nostra scuola sono state abbattute le barriere architettoniche. E per settembre anche il montacarichi della scuola media sarà a posto”. 
La piccola Anita conduce una vita normale. Esce da sola di casa e spesso viene accompagnata dagli compagni con cui ha un rapporto bellissimo.
Anche a scuola il profitto è ottimo. E culla il sogno di diventa avvocato da grande, magari per tutela i diritti dei disabili.
Anche Porticello non è un paese a misura di disabile. Troppi gradini e troppe barriere architettoniche.
“Spesso gli scivoli sono occupati dalle macchine e ci sono tantissime scale -dice la mamma- impossibili da superare con la carrozzina. Vivere in queste condizioni è impossibile. E non è giusto”.
Anita dal canto suo cerca di vivere una vita sociale normale. Si rende conto delle difficoltà di vivere in queste condizioni. “Non è giusto -dice- abbiamo gli stessi diritti di tutti.” Il volto di Anita viene rigato da una lacrima. Poi rispunta un sorriso e la consapevolezza che la battaglia sarà lunga ma che va portata avanti. Per il suo bene e quello di tutti.

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.