f Bagheria. Approvato il regolamento in consiglio comunale. Le case abusive si potranno riscattare | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Approvato il regolamento in consiglio comunale. Le case abusive si potranno riscattare

giovedì 22 giugno 2017, 09:29   Attualità  

Letture: 8.458

di Pino Grasso

Il consiglio comunale ha approvato un Regolamento con il quale dispone che nel caso in cui il cittadino, destinatario di un provvedimento di demolizione se entro il termine dei 90 giorni non provvede a sue spese il Comune entra in possesso del bene e non lo demolisce, anzi lo può assegnare in affitto a chi non ha una abitazione e la destinazione per pubblica utilità. Il cittadino che abita una casa acquisita dal Comune o un parente in linea retta (prima casa) ha il diritto ad avere un’abitazione. Lo stesso diritto viene riconosciuto anche alle coppie di fatto.
Lo prevede il regolamento approvato dal Consiglio comunale che prevede anche la possibilità di riscatto dell’immobile da parte del cittadino, che con il tempo tornerà ad essere proprietario dell’immobile, salvandone alcuni, piuttosto che demolirli.
Questa ipotesi è prevista nel caso in cui il Comune acquisisce gratuitamente al suo patrimonio il bene, nel caso in cui responsabile dell’abuso edilizio non provvede alla demolizione e al ripristino dello stato dei luoghi entro il termine di 90 giorni dall’ingiunzione.
“Il diritto alla casa è un tema molto sentito dal Movimento 5 Stelle – si legge in un comunicato – e viene incontro alla realtà locale distinguendo l’abusivismo di necessità da quello speculativo. Siamo contrari all’abusivismo speculativo ma non possiamo non considerare che siamo di fronte ad un grave probema sociale. Combattiamo con forza l’abusivismo che vede immobili costruiti dovunque senza il rispetto della legge. In questi ultimi casi si tratta spesso di gente facoltosa che costruisce più di un appartamento o ha edificato ville con piscina”.
Con questo regolamento si tutelano tutte quelle persone che a causa dell’abuso edilizio perderebbero l’unica abitazione in cui vivono. Verrà pertanto applicata la legge regionale sul diritto all’abitazione per evitare che famiglie con bambini, anziani e disabili possano vivere in macchina o per strada. Fino ad ora solo il Movimento 5 Stelle ha votato il salvataggio degli immobili destinati alla demolizione, tranne alcuni casi sporadici in cui anche l’opposizione si è resa partecipe della votazione.
“È obiettivo primario dell’amministrazione comunale affermare la legalità in questa città – dice il sindaco, Patrizio Cinque – per farlo occorre anche riordinare la città urbanisticamente e gestire tutti i casi di abusivismo edilizio”.
Il regolamento si occupa anche di tutti gli altri casi come le aree residuate dalle demolizioni delle opere abusive, le opere edilizie residenziali pubbliche da dare in locazione o proprietà e le opere edilizie relative agli insediamenti produttivi.
“Gli immobili potranno dunque essere dismessi o alienati dopo il relativo accertamento previsto per legge. Il riconoscimento della sussistenza di interessi pubblici prevalenti nel non abbattere l’immobile deve comunque essere regolamentato da una serie di criteri ed anche tali criteri sono ovviamente oggetto del regolamento approvato dalla Giunta”.
Il regolamento nasce dall’esigenza di definire i criteri per la gestione dei beni immobili abusivi acquisiti al patrimonio comunale, al fine anche di produrre economia ed occupazione e ricorrendo anche alla locazione di tali beni. Tali immobili e aree pertanto potranno tornare utili per edilizia popolare, per aree ed insediamenti produttivi, cosa che contribuisce all’economia nel sistema urbano e territoriale. Il documento chiarisce inoltre, la classificazione del patrimonio immobiliare comunale, suddividendo le diverse tipologie tra le quali ci sono appunto anche gli immobili abusivi acquisiti al patrimonio che attualmente sono 39 per quelli di cui è stato acquisito accertamento e 19 gli acquisiti.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.