f Bagheria. Imputato al processo Reset cambia versione: "non pagavo il pizzo" | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. Imputato al processo Reset cambia versione: “non pagavo il pizzo”

giovedì 22 giugno 2017, 14:58   Cronaca  

Letture: 4.440

Uno dei presunti taglieggiati ha ritrattato quello che aveva detto in un primo momento e ha negato di avere pagato il pizzo. Si tratta del titolare di un centro scommesse di Bagheria. Il processo invece è uno dei tronconi dell’operazione Reset 2 e vede imputati alcuni esponenti della famiglia mafiosa di Bagheria.
Imputati sono Gioacchino Di Bella, Carmelo Bartolone, Pietro Flamia, Rosario La Mantia, Alessandro Vega e Antonino Lepre. Il gestore del centro scommesse ha negato di avere dato dei soldi a Di Bella come pizzo, ma ha sostenuto che i due erano soci in affari e che il centro scommesse era totalmente abusivo.All’indomani degli arresti l’uomo aveva riferito ai carabinieri di dare circa mille euro al mese a Di Bella. Ma ieri ha cambiato versione dicendo che i sue era soci, anche se a gestire l’intera attività era lo stesso gestore.Il presidente della quarta sezione del Tribunale di Palermo Bruno Fasciana gli ha ricordato rischia una condanna per falsa testimonia o calunnia, ma l’uomo ha continuato nella sua nuova versione.  

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.