f Morto Cosimo D'Amato il pescatore di Porticello arrestato per mafia e poi pentitosi | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Morto Cosimo D’Amato il pescatore di Porticello arrestato per mafia e poi pentitosi

giovedì 29 giugno 2017, 08:33   Cronaca  

Letture: 3.715

E’ morto il pentito di mafia Cosimo D’Amato, il “pescatore” di Porticello che ha raccontato ai Pm di Caltanissetta i retroscena sull’esplosivo usato per la strage di Capaci. Aveva 62 anni.Non si conosce il motivo della morte e nemmeno il luogo dove D’Amato è morto. La notizia è stata diffusa con uno comunicato stampa molto scarno in cui si rendeva nota la morte dell’uomo. 
Condannato all’ergastolo per la strage di via dei Georgofili e in abbreviato a 30 anni per l’attentato a Falcone, ha cominciato a collaborare con i magistrati di Caltanissetta due anni fa mentre era imputato di strage con i mafiosi Salvo Madonia, Vittorio Tutino, Giorgio Pizzo, Cosimo Lo Nigro e Lorenzo Tinnirello. D’Amato aiuto’ i componenti della cosca mafiosa di Brancaccio a reperire l’esplosivo da alcune bombe della seconda guerra mondiale rimaste in fondo al mare. Ai pm disse di essersi pentito perchè aveva deciso di cambiare vita. Sulla strage di Capaci D’Amato confermò il racconto di Gaspare Spatuzza sul coinvolgimento della cosca mafiosa di Brancaccio nel rinvenimento dell’esplosivo, da bombe inesplose risalenti alla seconda guerra mondiale e rimaste inutilizzate sul fondo del mare al largo della costa palermitana, utilizzato per confezionare l’ordigno che uccise Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani.

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.