f Bagheria. In vendita due ville del Settecento: Ramacca e Sant'Isidoro per 11 e 8 milioni di euro | LaVoceDiBagheria.it

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria | LaVoceDiBagheria.it
Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria ha la Sua Voce. La Voce Di Bagheria. Portale di news ed informazione della Città di Bagheria

Bagheria. In vendita due ville del Settecento: Ramacca e Sant’Isidoro per 11 e 8 milioni di euro

lunedì 14 agosto 2017, 13:49   Attualità  

Letture: 5.664

Sono in vendita due fra le ville settecentesche più belle di Bagheria.
Si tratta delle ville: Ramacca e Sant’Isidoro De Cordova che sorge ad Aspra.La notizia è stata resa nota dal sito del Giornale di Sicilia e oggi anche dalla versione cartacea che dedica un’intera pagina.
I due edifici sono  in vendita da una delle tante agenzie immobiliari che operano sul territorio – con tanto di annuncio sul catalogo accanto ad appartamenti e “normalissime” case in città.
Le due ville sono sul mercato dallo scorso giugno e sono seguiti dall’immobiliare Engel & Völkers Cefalù Palermo, un marchio con sedi in tutto il mondo, che ha fissato il prezzo d’acquisto di 11 e 8 milioni di euro
Le due ville sono due pezzi di storia di Bagheria, con tanto di scalinate trionfali e ampi terrazzi, enormi giardini con viali alberati, statue e ampie fontane, sfarzose sale da pranzo con volte affrescate, pavimenti con pregiate maioliche e lussuosi lampadari e arazzi e tappeti.
Entrambe sono state realizzate nel 700 ed erano dimore estive dei principi Ramacca e De Cordova.
Entrambe sono state ristrutturate negli ultimi tempi da privati.
Villa Rammacca è diventato un sito per ospitare eventi come matrimoni e feste, mentre villa Sant’Isidoro da due anni è una casa museo, splendida, che mantiene ancora le suppellettili della fine dell’ottocento.
Ma alla base delle due vendite è possibile che ci sia la difficoltà ad andare avanti a causa delle grosse spese di gestione.
Va sottolneato che villa Ramacca continuerà ad ospitare manifestazioni e banchetti fino al 2022, garantendo gli impegni presi fino a quella data.

 

 

 
 
© Riproduzione riservata

 

 

 

 

Commenta l'articolo

Commentando questo articolo accetti le nostre regole e le nostre condizioni.